Spritz.it - L a y n e's HOME - BLOG DIRECTORY - IL TUO BLOG - Segnala qs BLOG




NICK: L a y n e
SESSO: m
ETA': 27
CITTA': treviso (BA)
COSA COMBINO: Detentore di due lauree rubate, alla faccia di DB
STATUS: single

[ SONO OFFLINE ]
[PROFILONE COMPLETO]

[ SCRIVIMI ]



STO LEGGENDO
Rocksound
Rolling Stone


HO VISTO
la temperatura abbassarsi tristemente...a volte il Nord fa davvero paura


STO ASCOLTANDO
gli scherzi telefonici al bidello Guardavaccaro
Bisteccone Galeazzi a "Ciao belli"


ABBIGLIAMENTO
del GIORNO


ORA VORREI TANTO...


IN QS PERIODO STO STUDIANDO...
le direttive...sai che palle!


OGGI IL MIO UMORE E'...
sarà meglio quello di domaniil


ORA VORREI TANTO...


ORA VORREI TANTO...


ORA VORREI TANTO...




PARANOIE
Nessuna scelta effettuata

 


MERAVIGLIE

Nessuna scelta effettuata




“The sun is the same in the relative way, but you're older
Shorter breath, and ONE DAY CLOSER TO DEATH.

Pink Floyd - TIME
(from THE DARK SIDE OF THE MOON - 1973) ”

(questo BLOG è stato visitato 2357 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite,


ULTIMI 10 messaggi
(per leggere i precedenti naviga attraverso il calendarietto qui a destra:
i giorni linkati sono quelli che contengono interventi )


domenica 16 maggio 2004
ore 14:46
(categoria: "Musica e Canzoni")


SEX PISTOLS - Never mind the bollocks (1977)
Come entrare nella storia suonando bicordi di 5° maggiore...
Non erano dei maestri sugli strumenti i Sex Pistols, ma cosa importava. Autentici animali da palco (e non solo lì), hanno costruito il loro mito con questo unico album della loro brevissima carriera, carriera fatta di eccessi, irriverenza e distruzione delle regole (chi non conosce "God save the queen" suonata su di un battello nel Tamigi con la polizia che li aspettava sulla riva del fiume...).
Ogni canzone di "Never mind the bollocks" suona come un pugno nello stomaco, sembra un disco live suonato in studio per quanta potenza esprime.
La colonna portante dei brani è costituita dalle bordate chitarristiche di Steve Jones, irresistibile nella sua semplicità e forza in tanti momenti e dalla voce sguaiata e violentata di Johnny Rotten che canta "...no future,no future for you..", autentico inno della generazione punk.
L'attacco di "Holiday in the sun" è superbo, "Problems" e "Submission" sono bellissime soprattutto per il cantato di Rotten e poi ci sono quei due inni generazionali, "God save the queen" e soprattutto "Anarchy in the U.K.", che da sole praticamente hanno fatto la fortuna e il mito dei Sex Pistols.
I Pistols si sono consumati troppo presto, forse li ha bruciati la stessa gloria e rabbia di "Never mind the bollocks", o forse il loro compito era quello di consegnarci quelle 12 tracce, punto e basta, come fossero tavole della legge. E dopo la morte di Sid Vicious, sono ritornati comuni (?!) mortali.
No future for you...
VOTO: 9
BRANI MIGLIORI: Anarchy in the UK, God save the queen, Submission, Holiday in the sun.
WEB: www.sexpistols.net


COMMENTA (0 commenti presenti) - SEGNALA questo BLOG

giovedì 13 maggio 2004
ore 12:06
(categoria: "Musica e Canzoni")


PINK FLOYD - The dark side of the moon (1973)
724 settimane consecutive nella TOP 200 Bilboard (la classifica ufficiale U.S.A), dal 1973 al 1988
28 milioni di copie vendute
1 milione di copie vendute ogni anno
13 gli anni di permanenza al 1° posto negli U.S.A. nella classifica delle ristampe

Basterebbero questi numeri per descrivere cosa c'è dietro il prisma irideo di "The dark side of the moon", concept-album sul tema della pazzia.
Sono stati scritti decine di libri su Dark side, è stato studiato in psicologia, usato dai rivenditori di impianti hi-fi per testare la potenza dei propri stereo, preso come modello (inarrivabile) da frotte di musicisti,ecc.
Questo blog serve solo a ricordarlo, a richiamare ai più giovani cosa si dovrebbe ascoltare prima di avvicinarsi al rock, al pop, all'elettronica, insomma alla musica popolare che accompagna le nostre vite.
Il momento più bello?
L'assolo di David Gilmour in "Time",e poi il giro di basso di Roger Waters in "Money", brano suonato in 7/4!
E il battico cardiaco che apre e chiude i 38 minuti dell'opera...
ECCE ALBUM
VOTO: 10
BRANI MIGLIORI: Time, Money, Eclipse, The great gig in the sky.
WEB: www.pinkfloyd.net


LEGGI I COMMENTI (2) - SEGNALA questo BLOG

domenica 9 maggio 2004
ore 10:19
(categoria: "Musica e Canzoni")


THE CLASH - London calling (1979)
"Uno dei 10 dischi più belli della storia", così affermava Rolling Stone in un servizio sul rock '70 di alcuni anni fa. E non si fa fatica a credergli; "London calling" è un lavoro titanico,molto più complesso e lungo di un album punk generico medio.
E' punk nell'attitudine, nell'irriverenza dei testi e degli atteggiamenti della band, nell'impegno politico che ha sempre caratterizzato il movimento di allora.
Musicalmente è rock, hard rock, jazz, pop, reggae; "Clash",insomma. I brani (ben 19!) sono tutti bellissimi, e ognuno suona diverso dal precedente.
Si parte con gli anthems "London calling", "Spanish bombs", "Death or glory"; c'è spazio anche per lo straight-rock di "Hateful", per il power-pop di "Train in vain", per quello che negli anni '90 sarebbe stato chiamato brit-pop in "Lost in the supermarket", per il reggae di "The guns of Brixton" e di "Revolution rock", per la jazzy "Jimmy jazz" e addirittura per le trombe di "Rudie can't fail" e di "The right people".
A rendere ancora più mito l'album, la famosa copertina che ritrae Paul Simonon che distrugge il suo basso in un concerto al Palladium di New York nel '79.
Era irripetibile.
VOTO: 9
BRANI MIGLIORI: London calling, Spanish bombs, Train in vain, Hateful.
WEB: www.epicrecords.com/theclash/


LEGGI I COMMENTI (2) - SEGNALA questo BLOG

martedì 13 aprile 2004
ore 20:05
(categoria: "Musica e Canzoni")


KORN - Issues (1999)
C'era voglia di riscatto dopo il troppo rappato "Follow the leader" dell'anno precedente.
Scelta la copertina dopo un concorso promosso da MTV e riservato ai fan dei 5 di Bakersfield, "Issues" vide la luce davvero a fine millennio. E il '99 non potè chiudersi meglio.
L'album era pieno di potenziali hits, con un ritorno (parziale,sia chiaro) alle sonorità perse per strada.
Certo,la voce di Jon Davis non era più urlata, i tempi meno sincopati e asimmetrici, ma il talento e il gusto per una certa "furiosa melodia" ebbero in "Issues" una delle migliori espressioni dei Korn: "Make me bad","Wake up","Somebody someone","Trash","Let's get this party started" sono gli episodi migliori di un full-lenght davvero maiuscolo, che alternava furia, linee di basso martellanti ed incontenibili a sussuri claustrofobici di chiara matrice korniana.
Difetti? Poco istintivo,studiato troppo a tavolino (d'altronde,con Brendan O'Brien come direttore dei giochi che speravi...).
Titanico.
VOTO: 8,5
BRANI MIGLIORI: Make me bad, Somebody someone, Wake up.
WEB: www.korn.com


COMMENTA (0 commenti presenti) - SEGNALA questo BLOG

martedì 13 aprile 2004
ore 00:20
(categoria: "Viaggi")


SUMMER IN THE CITY
Ecco il mio esageratissimo piano-vacanze:
GIUGNO: casa a Jesolo + 1 weekend Croazia
LUGLIO: casa a Jesolo + 1 week Lago Balaton (Ungheria)
AGOSTO:
Treviso-Bruxelles-Valladolid 57 euro
Barcellona-Bari 77 euro
...e tra Valladolid e Barcellona ci sono 16 giorni di Spagna...
PUO' BASTARE?


LEGGI I COMMENTI (1) - SEGNALA questo BLOG

lunedì 12 aprile 2004
ore 23:45
(categoria: "Musica e Canzoni")


MAD SEASON - Above (1995)
1995:i cigni stanno morendo.
Cobain è defunto da un anno, Staley sta per dire addio (ma allora non lo sapeva) alle registrazioni in studio degli Alice In Chains, Weiland sta per iniziare la sua odissea nelle galere americane e, dopo la morte di Kurt,l'instabilità di Vedder è paurosa.
In tutto questo crescono i Mad Season, nati come puro divertissement di Mike McCready (Pearl Jam) e che si trasformeranno in un side-project consegnato alla storia.
McCready tira fuori temporaneamente dalle sabbie mobili dell'eroina proprio Layne Staley (Alice In Chains) e recluta il batterista Barrett Martin (Screaming Trees)e il bassista blues John Baker Saunders.
Risulatato: eccezionale.
Una cavalcata di hits di puro hard-rock-blues ("X-Ray mind","I'm above","Artificial red"), pezzi grunge ("Wake-up","I don't know anithing") e una ballata capolavoro ("Long gone day") cantata da Staley e Mark Lanegan (Screaming Trees).
Staley ci mette tutta la sua sensibilità di grande artista e uomo debolissimo, McCready non sbaglia un accordo e la sezione ritmica è straripante (Martin da applausi, suona con il vigore del migliore Dave Grohl).
Purtroppo,come ogni bella storia, anche i Mad Season hanno pagato un tributo carissimo al pur breve successo: sia Staley (2002), sia Baker Saunders (1998) sono morti di overdose.
VOTO: 9
BRANI MIGLIORI: Long gone day, I'm above, Wake-up, All alone.
WEB: www.sonymusic.com/artists/MadSeason/


COMMENTA (0 commenti presenti) - SEGNALA questo BLOG

martedì 23 marzo 2004
ore 23:30
(categoria: "Musica e Canzoni")


DEPECHE MODE - Violator (1990)
Finir degli anni '80: i Depeche Mode sono la band più importante degli eighties(assieme agli U2),e sono reduci dai grandi successi di "Music for the masses" e del titanico live "101",registrato al Pasadena Rose Bowl (per intenderci,quello della finale '94 tra Italia e Brasile). Ma gli anni '90 sono anni di austerity, di ritorno alle origini; come poteva resistere l'elettronica al fuoco del grunge che iniziava a bruciare?
Semplice: con "Violator".
I Depeche Mode anticipano i tempi coniando quello che sarà l'album più chitarristico della band. Martin Gore si inventa uno dei riff più famosi del rock, quello di "Personal Jesus", scrive 2 capolavori come "Policy of truth" e "Enjoy the silence", e i Depeche Mode realizzano i 9 pezzi dell'album che fanno gridare al miracolo.
Difficile scegliere fra tanta grazia; questa è storia del rock, di quello elettronico che piace a tutti, anche ai metallari. Atmosfere dark e intime che stringono il cuore, la voce di David Gahan che ti commuove per quanto è bella (come fanno gli ultimi due minuti di "Halo" a lasciarmi a bocca aperta dopo 14 anni passati??), la chitarra di Gore precisa ed essenziale e le tastiere che rendono unico il sound dei quattro.
Elettronica da megastadio ma anche per palati fini.
VOTO: 9
BRANI MIGLIORI: Halo, Policy of truth, Enjoy the silence, World in my eyes
WEB: www.depechemode.com


COMMENTA (0 commenti presenti) - SEGNALA questo BLOG

lunedì 8 marzo 2004
ore 02:53
(categoria: "Musica e Canzoni")


STONE TEMPLE PILOTS - Thank you (2003)
L'aura nera che circondò tutti i gruppi grunge dei primi anni '90 non risparmiò nemmeno coloro che, sull'onda di quei grandi successi, decisero di rifare il verso ai Nirvana e compagnia cantando.
Gli Stone Temple Pilots son sempre stati tacciati come meri cloni dei grandi di Seattle, giudizio che, oggettivamente, non hanno mai meritato nella valenza così negativa che ha maturato nelle menti dei detrattori. Album come "Purple" sono dei piccoli capolavori di rock, certo non originalissimi, ma onesti, ben prodotti e suonati con perizia. Dopo il '94 le cose per gli S.T.P. si misero male, con i continui problemi di droga e carcere che devastarono la vita del leader Scott Weiland (fortuna che sia ancora vivo...); hanno continuato ad incidere ma poco più di un anno fa, dopo 5 album e 10 anni di onorato servizio, gli S.T.P. si son congedati.
E lo fanno con "Thank you", doverosa raccolta che pesca a piene mani dai primi 3 fondamentali album. Perle hard rock di indubbio valore come "Vasoline" e "Plush" e malinconiche ballate come "Creep" e "Sour girl" devono essere patrimonio di tutti gli amanti del rock dei Ninenties.
Peccato che manchi la seminale "Dead & bloated" e la zeppeliniana "Dancing days".
VOTO: 8
BRANI MIGLIORI: Creep, Plush, Vasoline, Trippin' on a hole in a paper heart
WEB: www.stonetemplepilots.com


COMMENTA (0 commenti presenti) - SEGNALA questo BLOG

domenica 7 marzo 2004
ore 22:31
(categoria: "Musica e Canzoni")


ILL NINO - Revolution Revolucion (2001)
Primo album per i cosmopoliti Ill Nino, metal band californiana che raggruppa elementi di origine brasiliana, italiana, peruviana e quant altro dall'America del Sud.
"Revolution" (del quale esiste anche una versione cantata in spagnolo, "Revolucion") è un lavoro strepitoso, suonato con una grinta eccezionale, un senso della melodia davvero mirato e mai inflazionato e con alcuni spunti originali degni di nota.
Innanzitutto, bellissimi i bridges latini inseriti praticamente in ogni pezzo; si passa così da feroci bordate di Ibanez distorte a intermezzi fatti di chitarre acustiche, percussioni e suoni latini; fenomenale!
La presenza contemporanea di un batterista e di un percussionista rende il loro suono molto tribale e accattivante, la voce di Cristian Machado è urlata e gutturale,ma sa cambiar registro con estrema facilità, passando ad interpretare una stupenda ballata in pieno stile latino ("With you"). Fra i migliori episodi, la epica "Unreal", "Liar" e "Rip out your eyes".
Ah dimenticavo, già da un bel pò è disponibile nei negozi il loro secondo album "Confession".
VOTO: 7,5
BRANI MIGLIORI: Unreal, With you, Liar, God save us
WEB: www.illnino.com


COMMENTA (0 commenti presenti) - SEGNALA questo BLOG

venerdì 5 marzo 2004
ore 18:33
(categoria: "Musica e Canzoni")


HOOBASTANK - The reason (2003)
Riecco i 4 di "Crawling in the dark", singolo fortunatissimo della band che tanto assomigliava agli Incubus.
Colonna portante di "The reason" è il forte e spiccato senso della melodia che lo percorre; sia che si ascoltino pezzi tiratissimi (come "Out of the control", primo singolo dell'album), sia che si presti orecchio a brani più lenti ("The reason"), non si sentirà mai una nota fuori posto; i cambi di ritmo sono abbastanza prevedibili, anche se la tecnica dimostrata dagli Hoobastank è notevole.
A differenza dei primi Incubus, gli Hoobastank non propongono un sound molto originale e anche se il prodotto in fin dei conti non è per nulla malvagio, ritengo che questo tipo di suono sia ancora troppo "collegiale", da festa nelle high school americane. Credo che "The reason" soffrirà dello stesso male del primo album e faticherà parecchio a sfondare in Europa.
Bravi ma prevedibili.
VOTO: 6
BRANI MIGLIORI: Out of control, Same direction
WEB: www.hoobastank.com


COMMENTA (0 commenti presenti) - SEGNALA questo BLOG


> > > MESSAGGI PRECEDENTI
MAGGIO 2022
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

RICERCA:
Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG


BLOG che SEGUO:

Rubens spiderr moretta lauretta81 Jade


BOOKMARKS

Solo Bari

(da Sport / Calcio )

Modern Rock Lyrics

(da Musica / Cantanti e Musicisti )

UTENTI ONLINE: