BLOG MENU:


Manuele, 41 anni
spritzino di Padova
CHE FACCIO? impiegato
Sono sistemato

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]


STO LEGGENDO

SIAMO DIO di Bruno Franchi



HO VISTO





STO ASCOLTANDO

Symphony X - The Divine Wings of Tragedy - Absence Of Ligh

Joe Satriani - Engines Of Creation

ABBIGLIAMENTO del GIORNO

tuta

ORA VORREI TANTO...



STO STUDIANDO...

musica

OGGI IL MIO UMORE E'...

Buono

ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


1) Rendersi conto di essere soli... Di aver avuto accanto un Angelo... E di averlo ucciso... Di aver sbagliato e di non poter tornare indietro... Vivere sospesi tra l'indecisione e la paura... Ogni giorno ti svegli e lei nn c'è... e così per sempre... ti svegli, ma in realta dormirai per sempre senza lei accanto... Vivi la vita con una maschera per nn far vedere a chi ti stai accanto che in realta sei morto... Ti circondi di persone che nn ti conoscono perché loro nn possono vedere che hai perso la felicità... Un giorno era venuto un angelo per me e io l'ho ucciso... Nn ti scorderò mai Piccola...

MERAVIGLIE


1) Essere in pace con se' stessi e con coloro a cui vuoi bene.
2) Sentire che per qualcuno tu conti davvero
3) svegliarsi accanto alla persona che si ama
4) ..vedere il principio di un sorriso crearsi nel volto di una persona..
5) Guardare intensamente gli occhi della donna che ami
6) Rendere felice qualcuno ke senza di te non lo sarebbe!
7) scoprire di amare una persona e di non poterne fare a meno dopo averci litigato...


Lo senti come tira il vento
Che quasi non ci fa dormire
E l’anima che brucia dentro
Dammi un segnale fatti sentire
Ma è di te che io ho bisogno
E non ti sento
è l’amore che ci fa cambiare idea
Ti scrivo amore
Ti scrivo amore perduto amore
E nessun santo
Se adesso piango mi salverà
Noi navighiamo
Noi transitiamo col cuore a galla
Esca per pesci
Se poi scoperti ci tiran su
In una foto i tuoi occhi belli
Tenuti stretti fra le mie dita
Guardano il mondo così lontano
Da farlo stare tutto in una mano
E un pubblico di stelle sorride
Ti scrivo amore
Ti scrivo amore perduto amore
E nessun santo
Se adesso piango mi salverà
Noi navighiamo
Noi transitiamo col cuore a galla
Esca per pesci
Se poi scoperti ci tiran su
Ma è di te che io ho bisogno
E non ti sento
è l’amore che ci fa cambiare idea
è di che io ho bisogno e non ti sento
è l’amore che ci fa cambiare
Ti scrivo amore
Ti scrivo amore perduto amore
Liberi pesci
Ma con le ali io e te
Volati in alto
Posati dove si può sperare
Ricominciare senza confini io e te
Ti scrivo amore
Ti scrivo amore perduto amore.










(questo BLOG è stato visitato 1482 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]





venerdì 28 novembre 2008 - ore 16:50


Canon in D major
(categoria: " Musica e Canzoni ")




AIUTOOOOOOOO
non riesco ad inserire i video

[YOUTUBE]http://it.youtube.com/watch?v=wkUJmX7Ah4E[/YOUTUBE]

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/1/16/Pachelbel-canon-colors.png/800px-Pachelbel-canon-colors.png

<object width="660" height="525"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/v/x0qwCwonP00&hl=it&fs=1&color1=0x5d1719&color2=0xcd311b&border=1"></param><param name="allowFullScreen" value="true"></param><param name="allowscriptaccess" value="always"></param><embed src="http://www.youtube.com/v/x0qwCwonP00&hl=it&fs=1&color1=0x5d1719&color2=0xcd311b&border=1" type="application/x-shockwave-flash" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true" width="660" height="525"></embed></object>

[youtube]aF70CF969A8640F7&playnext=1&index=2[/youtube]

[youtube]QjA5faZF1A8[/youtube]



[YOUTUBE]http://it.youtube.com/watch?v=x0qwCwonP00[/YOUTUBE]

"Edita HTML" <object width="425" height="344"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/v/x0qwCwonP00&hl=it&fs=1"></param><param name="allowFullScreen" value="true"></param><param name="allowscriptaccess" value="always"></param><embed src="http://www.youtube.com/v/x0qwCwonP00&hl=it&fs=1" type="application/x-shockwave-flash" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true" width="425" height="344"></embed></object>

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=x0qwCwonP00&feature=channel[/youtube]



[YOUTUBE]http://it.youtube.com/watch?v=qLGwV5H96eo[/YOUTUBE]

[YOUTUBE]<object width="425" height="344"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/v/x0qwCwonP00&hl=it&fs=1"></param><param name="allowFullScreen" value="true"></param><param name="allowscriptaccess" value="always"></param><embed src="http://www.youtube.com/v/x0qwCwonP00&hl=it&fs=1" type="application/x-shockwave-flash" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true" width="425" height="344"></embed></object>[/YOUTUBE]


[youtube=http://it.youtube.com/watch?v=x0qwCwonP00]

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



sabato 26 giugno 2004 - ore 20:01


gli occhi di mia madre
(categoria: " Riflessioni ")


gli occhi di mia madre
così simili
così diversi
da quello che io
sono
nell'anima

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 6 aprile 2004 - ore 20:43


MARCO CARENA
(categoria: " Musica e Canzoni ")


LINK

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



domenica 21 marzo 2004 - ore 23:01


Lacuna Coil
(categoria: " Musica e Canzoni ")


LINK

LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



venerdì 19 marzo 2004 - ore 19:49


SIAMO TUTTI SERVI DELLA GLEBA
(categoria: " Riflessioni ")





LINK


Allora come e’ andata con la tipa?
Eh, abbastanza bene.
Hai pucciato il biscotto, o almeno hai limonato?
No ragazzi, non scherziamo. Lei non e’ una come tutte le altre.
Bll b b bll parlaci di lei.

Ah, guardate, questa qui’ e’ una tipa devvero simpaticissima, in gambissima. Mi ha raccontato delle cose delle sue ferie divertentissime, ma tipo che lei era andata la’ con un sacco di creme dopo sole, poi ha preso un casino di sole, si e’ bruc.
Le hai mostrato il popparuolo?
No ma ho buone possibilita’.
Allora ci vediamo questa sera? Una serata fra amici, una chitarra e uno spinello.
Eh, amici, purtroppo no. Questa sera sono invitato a casa sua per vedere le diapositive del mare, delle sue ferie, poi subito dopo devo accompagnare i suoi genitori che devono prendere il treno perche’ sono rimasti senza macchina, l’hanno distrutta, era mia.

Siamo tutti servi della gleba, e abbiamo dentro il cuore una canzone triste.

Servi della gleba a testa alta, verso il triangolino che ci esalta. Niente marijuana ne pasticche: noi si assume solo il due di picche. Servi della gleba in una stanza, anestetizzati da una stronza, come dei simbolici Big Jim: schiacci il tasto ed esce lo sfaccimm.

Ehi, guardate un po’ chi si rivede.
Hue ciao ragazzi.
Hai la faccia di legno, dove cazzo eri finito?
Ma no, niente, e’ che c’ho un’esame in ballo e poi non sono stato molto bene.
dicci cosa hai avuto di preciso.
Mah, mi han detto che ho le papille - Eh? - gustative interrotte, no, poi ci ho il gomito -Cosa? - che fa contatto col ginocchio .... no e’ che ho delle storiacce con la tipa...
Ah. Lei ti ha dato il due di picche.

Ma no , che cosa dite? lei mi e’ molto affezzionata, solo che ha delle storie col suo tipo che la rendono infelice, e siccome a lei ci tengo piu’ che a me, ho parlato col suo ragazzo e l’ho convinto a ritornare da lei...
Ma non starai mica piangendo?
No, e’ che mi e’ entrata una bruschetta nell’occhio.

L’occhio spento lo sguardo di cemento, lei e’ il mio piccione io il suo monumento.

Servi della gleba a tutta birra, carichi di hl di sburra; cuore in fiamme e maschera di ghiaccio, noi col nostro carico di sfaccio. Servi della gleba planetaria, schiavi della ghiandola mammaria, come dei simbolici Big Jimme: schiacci il tasto ed esce lo sfaccimme.

Lassame canta’...

[Faso al telefono]: "Ciao, senti, hai 5 minuti? Perche’ volevo chiederti due cose... Senti, guarda, sinceramente vado al dunque subito, ci sono rimasto molto male perche’ ho saputo che sei uscita con Tafano ieri sera, e... perche’? Scusa, ti ho telefonato a cena, ti ho detto: ci vediamo?, tu hai detto: no, devo studiare. E va be’, se poi esci con lui... cioe’, perche’ non me lo devi dire? Pensi che sia un problema per me accettare che tu hai una storia? Un uomo? Vedi qualcuno? No, non e’ un problema per me perche’ io ti voglio bene veramente e non ti chiedo nulla, anzi, magari sono qui a dirti: se hai bisogno di qualcuno io ci sono.

E allora? Che cosa devo fare?

Vuoi che mi metta una scopa in culo cosi’ ti ramazzo la stanza?"


LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



venerdì 12 marzo 2004 - ore 07:45


Ciao
(categoria: " Musica e Canzoni ")





LINK


Ciao!
Mi piacerebbe avere un telefonino
che manda messaggini con tantissimi caratteri
così potrei scriverti "Ti amo"
con un milione di "O"
e verrebbe pressappoco così:
Ti amo
oh-oh-oh-oh-oh-oh-oh-o ...


Non mi chiedermi di avere
un equilibrio anche in quei giorni
Non mi chiedermi di farti
lo stufato quando torni
Non mi chiedermi il Teorema di Pitagora non ho
La licenza media
In prima mi bocciarono.


Non mi chiedermi di avere
gambe lisce come seta
La ricrescita è una piaga
e non mi basta una laméta.
Ci vorrebbe un diserbante
dedicato e io ce l'ho
spero solo che rispetti il mio P. H.


Girlsband
Quanta spontaneità nei miei modi schietti
For pheegs
Le mie movenze i completini perfetti
Girlsband
Oh quando una è naturale è naturale
For pheegs
Tra l'altro questo è un motivetto niente male


Non mi chiedermi l'orgasmo
che non so come si scrive
Non mi chiedermi se ho sexy
più la fronte o le gengive
Non mi chiedermi di coniugarti i verbi
non li so
Se li avrei saputi mo' te li imparavo.

Non mi chiedermi di amarti
con le tecniche orientali.
Non cercare di sorprendermi
all'incrocio dei miei pali.
Non mi chiedermi di rivelarti
dove ho il punto "G"
Con il mio alfabeto arrivo fino a F.


Girlsband
Belle ragazze collocate perfette
For pheegs
Noi siamo tope dalle vedute strette
Girlsband
Sinceramente non capisco chi ci biasima
For pheegs
Nei nostri playback ci mettiamo l'anima.


[Frankie Hi-Nrg mc]


Tu, tipico prototipo di donna libera tutta acqua e sapone non ti dai
nemmeno un'aria
tu così lucida ed estera
tu che sei più semplice di un mosaico con una tessera
tu hai più colori di una gerbera
venere berbera
tu genuina come il bàrbera
tu che non mi dai mai l'idea d'aver la minima idea di quel che dai


Se saprei parlare senza
farti diventare rosso
Se dovrei vestire i panni
senza toglierli di dosso
Se potrei dir cose meno imbarazzanti
le direi
ma non sarei più gradita in una
GIRLSBAND
Girlsband
Quanta spontaneità nei miei modi schietti
For pheegs
Le mie movenze i completini perfetti
Girlsband

Oh quando una è naturale è naturale
For pheegs
Tra l'altro questo è un motivetto niente male


Girlsband
Belle ragazze collocate perfette
For pheegs
Gagliarde tope dalle vedute strette
Girlsband
Sinceramente non capisco chi ci biasima
For pheegs
Nei nostri playback ci mettiamo l'anima


LEGGI I COMMENTI (2) - PERMALINK



lunedì 8 marzo 2004 - ore 08:18


8 Marzo
(categoria: " Vita Quotidiana ")


A U G U R I




Cuore umano, la donna è il tuo riflesso,

e qualunque cosa tu sia, lei è;

dovunque tu viva, lei vive.

E' come la religione

quando non la interpreta un ignorante;

come la luna

quando non è velata dalle nuvole;

come la brezza

quando non è contaminata da impurità.



(K. Gibran)


COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



sabato 6 marzo 2004 - ore 20:06


gli angeli
(categoria: " Musica e Canzoni ")





Sai io credo che
ognuno di noi ha un angelo,
un angelo sopra di se
un angelo che sente quello che non si dice.

Ma se è così
allora non c'è segreto che resista un pò
Sanno di noi le frasi più violente
quelle che non usciranno

Divini messaggeri, di tutti i miei pensieri
all'infinita linea di confine noi
vicina vibrazione, un'altra piccola illusione
all'infinita linea due minuti e poi
è questione di tempo.

Sai io credo che
i sogni che ci rimangono
a volte dentro di noi
aleggiano pesanti come se fossero verità.

Se la mente rimane ancorata alle mani
se l'eterno è l'assenza di tempo
l'angelo e l'uomo avranno ancora un motivo di invidia.

Divini messaggeri, di tutti i miei pensieri
all'infinita linea di confine noi
vicina vibrazione, un'altra piccola illusione
all'infinita linea due minuti e poi...
Divini messaggeri, di tutti i miei pensieri
all'infinita linea di confine noi
vicina vibrazione, un'altra piccola illusione
all'infinita linea due minuti e poi
è questione di tempo
è solo una questine di tempo

E' come percepire un'altra dimensione
allungare la nostra mano a una antica emozione
ci sentite, vi sentiamo,
aspettiamo felici la caduta del giorno
per vedere i vostri corpi contro luce
per avere una risposta veloce
sorvolare di mezzo le frequenze comuni
superare in un istante le paure mortali.
Madre Blu - prima dell'alba

LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



mercoledì 3 marzo 2004 - ore 22:14


JACO PASTORIUS
(categoria: " Musica e Canzoni ")





John Francis Pastorius nasce il primo di Dicembre del 1951 a Norristown, in Pennsylvania. Prende subito contatto col mondo della musica tramite il padre, Jack, noto batterista jazz; i rapporti tra i genitori non sono precisamente idilliaci, ed all'età di sette anni Jacko (con la k, in quel tempo lo chiamavano così) si sposta con madre e fratelli (due, per la precisione) a Fort Lauderdale, Florida, mentre il padre rimane a suonare in Pennsylvania. Le influenze musicali del giovane Pastorius sono di ogni genere: dalla musica caraibica ai Beatles, metabolizza qualsiasi nota gli giunga all'orecchio. Il primo strumento dell'esuberante Jaco è la batteria, ma a 13 anni il Dio della Musica vuole che si rompa il polso, e passi al basso. Due anni dopo le sue prime vere bands e i suoi primi concerti, di cui rimane traccia nel cd "the roots of Jaco", praticamente introvabile.

Jaco suona un Fender Jazz '62, da lui stesso modificato e reso fretless. Nel '70 il primo assaggio di gloria: diciannovenne, viene scelto per suonare nella band di Wayne Cochran, i C.C. Riders, una band di soul sudista costantemente in tour; qui Jaco conosce Charlie Brent, da cui impara l'arte di arrangiare (in senso musicale). Dopo nove mesi di duro tour, Jaco torna a Ft. Lauderdale, dove acquista crescente popolarità nel giro dei clubs. Per cinque anni Jaco suona al Bachelors III, in una band essenzialmente composta da sezione ritmica e fiati, dando qualche lezione part-time all'università di Miami (che tra i suoi allievi aveva Pat Metheny e Steve Morse...). Del '74 è un disco "storico", che testimonia il primo incontro con Metheny: Pastorius/Metheny/Ditmas/Bley, talora accreditato a Jaco, talora a Bley (quella era la sua origine…). Di poco posteriore è Bright Size Life, esordio solista di Metheny, in cui Pastorius dà un notevole contributo con le sue 4 corde. Nel '75 la svolta: Bobby Colomby, dei Blood, Sweat and Tears, nonché della Colomby Productions, conosce una biondina giocando a baseball a Ft. Lauderdale. "sei sposata?" - le chiede; la risposta è "sì, col miglior bassista del mondo". Quel pomeriggio Colomby, estremamente curioso, concede un provino al "miglior bassista del mondo"; "non stava scherzando!" afferma lo shockato Colomby dopo aver ascoltato Jaco. Nel '76 Jaco debutta come solista sotto la Epic, circondato da ottimi musicisti: Michael e Randy Brecker, David Sanborn, Herbie Hancock, Lenny White, Wayne Shorter, Othello Molineux e Sam & Dave… il risultato è l'ottimo disco d'esordio, inevitabilmente "self-titled". Il '76 segna una vera e propria esplosione del fenomeno Pastorius: Jaco appare in una miriade di diverse produzioni, tra cui i dischi di Joni Mitchell, Al Di Meola e dei Weather Report. La collaborazione di Jaco con la band dei leggendari Zawinul e Shorter inizia con Black Market, in cui appare solo in due pezzi; l'impressione che desta nella band è tale da detronizzare pressoché immediatamente il pur bravo Alphonso Johnson. Nel '77 Jaco entra nella leggenda con "Heavy Weather"; Birdland, A remark you made e soprattutto Teen Town portano tutte il suo marchio: Jaco si dimostra capace di suonare qualsiasi cosa, dal funky velocissimo alla ballata, e di farlo nel miglior modo possibile. Il suono di Jaco diventa IL suono del fretless, quello a cui qualsiasi bassista cerca di avvicinarsi (magari senza ammetterlo…).

L'influenza di Jaco sulla band diventa ogni giorno maggiore, tanto da spingere i guru Shorter e Zawinul a sostituire il batterista Acuna con l'amico Erskine. Nel lavoro successivo, Mr. Gone, è chiaramente avvertibile lo scontro tra i due immensi ego di Jaco e Zawinul: in tutto il disco il basso e la tastiera si rincorrono senza pace, ponendo solo sullo sfondo Shorter. Intanto Jaco dimostra di essere non solo un ottimo bassista, ma anche un animale da palcoscenico, tanto da attirarsi più volte gli strali dei compassati critici di jazz. Comunque dal '76 all'82 Jaco suona con Joni Mitchell, Herbie Hancock, Airto Moreira, Manolo Badrena, da solista e con i Weather Report, ribadendo ulteriormente che la sua fama di miglior bassista del mondo non è immeritata.

I comportamenti di Jaco, però, passano velocemente dall'inusuale allo strano e dallo strano allo schizoide; in parte predisposto alla follia, in parte aiutato dall'assunzione massiccia di alcool e droghe, Jaco inizia a mostrare il peggio di sé: nell' 82 viene arrestato perché in giro per Tokyo nudo su una moto, nell'83 vola giù da un balcone a Rimini. Musicalmente, alterna ottime prestazioni a serate no, in cui decide inspiegabilmente di suonare fuori tonalità. La situazione è difficile da maneggiare per chiunque, e dopo "Weather Report" dell'82 Shorter e Zawinul lo espellono dalla band. Nell'83 esce Invitation, pubblicato da solista, nell'84 Blackbird; Jaco suona sempre divinamente, ma diventa letteralmente matto. Le cronache riferiscono che uno dei suoi passatempi preferiti diventa recarsi agli altrui concerti, balzare sul palco urlando "sono il miglior bassista del mondo" e cercare di suonare. Il business musicale lo abbandona e lui scivola nella follia; viene arrestato nell'85, entra in clinica psichiatrica nell'86. È del periodo 85/86 una serie di bootleg da solista che testimonia quanto altalenante fosse il rendimento di Pastorius: passa dal decisamente scarso all'ottimo, a seconda della serata. Alla fine dell'anno sembra che le sue condizioni mentali stiano migliorando, ed anche musicalmente Jaco si riprende. Nell'87 programma il grande ritorno, ma verso Marzo smette di suonare e riprende a bere molto pesantemente.

Ormai folle, muore in modo assolutamente assurdo, il 21 Settembre del 1987, steso dai colpi di karatè di un buttafuori che cerca di impedirgli l'ingresso in un locale. Jaco ha 35 anni.



COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



mercoledì 3 marzo 2004 - ore 22:02


GIORDANO BRUNO
(categoria: " Fotografia e arte.. ")




LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK




> > > MESSAGGI PRECEDENTI
MAGGIO 2022
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31


Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG


BLOG che SEGUO:


Ospite

BOOKMARKS





UTENTI ONLINE: