BLOG MENU:


candlemass, 32 anni
spritzina di Cittadina del mondo
CHE FACCIO? Osservatrice attenta
Sono sistemato

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]


STO LEGGENDO

V.M. 18 della Santacroce...una fesseria immane!

HO VISTO

occhi che promettevano immensità propieteri di personalità da indagare

STO ASCOLTANDO

sempre iron, candlemass e le voci della non coscienza

ABBIGLIAMENTO del GIORNO

black, of course
& more..







ORA VORREI TANTO...

scrutare nella demenza di chi osservo

STO STUDIANDO...

la libertà nel contesto cosmologico

OGGI IL MIO UMORE E'...

determinato, come sempre

ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


Nessuna scelta effettuata

MERAVIGLIE


Nessuna scelta effettuata

Mostra "Dallo Shibari alla dolce Gwendoline, legami tra oriente e occidente”
Umore: brillante


Dopo il successo di Boundless, mostra fotografica esposta al Bastione Alicorno, Alberto Lisi – in arte Hikari Kesho – fotografo di moda di fama internazionale e maestro di nodi dello Shibari, l’antica disciplina giapponese di legatura erotica della donna, torna a sorprenderci con una nuova mostra intitolata "Dallo Shibari alla dolce Gwendoline, legami tra oriente e occidente".

La vernice si terrà mercoledì 9 gennaio alle ore 21.00 al Fronte del Porto Film Club ( sala cinematografica del Quartiere 4 sud est Porto Astra di Via Santa Maria Assunta 20, Padova).

Con questa mostra Il fotografo ripropone Gwendoline, l’eroina del fumetto erotico di John Willie, attraverso una galleria di immagini femminili legate con le antiche tecniche giapponesi.

La mostra resterà aperta al pubblico per tutto il mese di gennaio.


Ingresso libero.







siamo figli di venere, non di quella maria demone delle virtù femminili..

**** **** **** **** ***

***
"ALLE VOLTE ESSERE CAROGNA E’ L’UNICA COSA CHE RIMANE DA FARE AD UNA DONNA"

Stephen King - Dolores Clairburne








(questo BLOG è stato visitato 2673 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]





domenica 13 gennaio 2008 - ore 17:23



(categoria: " Vita Quotidiana ")


Martuzza bedda.. e che te lo dico a fà..


Ho pensato di chiedere a tua madre qualcosa di tuo,

ma dato che mi pensi (lo so che mi pensi..lo sento..) l’ho trovato a casa..

quella giacchina che dovevo restituirti e che invece mi dimenticavo sempre di darti. Sono contenta di essere così distratta, così la posso tenere con me.

Mi bastava una cosa sola.

Ma voglio anche la foto di quando eri piccola con le guancie grasse grasse..

E poi ho tutti i ricordi.. otto anni di ricordi..

ma ho buona memoria e me li tengo stretti.

Quando ti dicevo di muovere le dita dei piedi e tu non ci riuscivi, rossa dalla concentrazione e io ridevo e ti dicevo -ma non ti scoccia non avere il controllo dei tuoi piedi?- e tu eri scoppiata a ridere dicendo che non avevi il controllo di nessuna parte del tuo corpo, altro che piedi!

E la volta che andandone, bevendosene, ridendosene, hai tirato fuori le chiavi di casa e hai urlato -Chiavandone!- per poi accorgerti della gaffe.. che tempismi avevi..

E quando mi mandavi i messaggi sul cell dalla stanza accanto perché non avevi il coraggio di bussare alla porta perchè sapevi che ero adirata con te. E io mi incazzavo ancora di più perché sprecavi soldi e ti urlavo dal muro..

E quando, l’unica donna sulla faccia della terra, sei caduta dalle ballerine..

E quando ti tiravo giù la scollatura perché dovevi far vedere le tette e tu ti vergognavi..

E quando ti sei fatta i capelli castani che quando ti aspettavo nei posti non ti vedevo più perché non riconoscevo la testa rosso pompiere..

E quando abbiamo parlato la prima volta in appartamento e tu mi hai preso la mano e mi hai detto che si vedeva che avevo sofferto tanto e io sono scoppiata a piangere perché sei l’unica che ha capito tutto, che capiva sempre anche quando nascondevo tutto..

e quando volevi infilarti nel letto per dormire abbracciate e io non volevo perché non ti volevo appiccicata che dovevi imparare a stare da sola che nella vita si è sempre da soli e non puoi appoggiarti sempre agli altri.

E quando mi chiedevi se ti volevo bene e io ti dicevo che non me lo dovevi chiedere ma lo dovevi capire e tu mi dicevi che lo sapevi che ti volevo bene ma che ti piaceva sentirmelo dire e io non te lo dicevo per dispetto e poi te lo scrivevo per messaggio.. che cretine!

E quando eri dall’altra parte del mondo e mi chiamavi piangendo e ti urlavo di salire su un aereo e di tornare indietro che quando t’avrei rivisto t’avrei preso a calci in culo così la smettevi di fare quello che stavi facendo che mi facevi incazzare da morire..

E quando ti dicevo che dovevi imparare ad essere più cattiva, più risoluta, che questo mondo non è fatto per i buoni e gli ingenui, e di truccarti che eri più bellina, e di camminare dritta che eri storta e di smetterla di chiedere agli altri e farti le cose da sola e di metterti un cazzo di reggiseno che ti tirasse su le tette non che le schiacesse che avevi una quarta e nessuno lo sapeva..

E quando mi dicevi che ero dolce e io ti dicevo di no e tu dicevi che avevo una "dolce rudezza" e ti buttavi al collo ad abbracciarmi e dicevi "minchio-lina!"

E quando mi chiamavi mammina e io correggevo sul "sorella è meglio!"

E sherwood era il nostro regno d’estate, e al gasoline le frittis, e alle sagre la frittura e ti sfregavi le mani che avevi voglia..

E avevi paura dei colombi, dei gatti, delle cavie.. e avevi paura di tutto..

E avevi paura di avere paura, ed era peggio e io volevo darti un po’ della mia forza e mi dicevi -ho fatto come mi hai detto tu! mi sono incazzata!

e io ridevo perchè sembravi Pollon..

E quando andavamo a ballare mi dicevi - mi sono vestita di nero come te!-ma avevi gli stivali pelosetti rosa e sembravi il tenerone...

E ore e ore e ore a parlare della vita, dei dolori, di tutto, senza concludere, mai, niente.. e quando dicevi le parolacce in sardo ma sembrava giapponese!

E quella volta che non volevi vedere Giovanna d’Arco e hai rotto i coglioni a tutti da morire finchè ci siamo dovuti subire il Satyricon di Zeffirelli e tu ti sei addormentata.. noi ti abbiamo detestato!

E rompevi i coglioni con le mani sporche di fritto - manina patatina!- e mi accompagni in bagno? mi accompagni a casa? mi accompagni alla macchina? vieni a dormire da me? mi prendi da bere tu? chiedigli di che segno è!!

Che scassa palle che eri...

E ti trattavo male perché ti volevo bene così non lo avrebbero fatto gli altri... volevo che diventassi un po’ più forte.. E non lo sopportavo che subissi tutto e tutti e ti dicevo - ma non sei stanca di avere paura di tutto? e mi dicevi che non ce la facevi più.. che non avevi più forze, che non avevi speranza..

Dovevo scriverti che avevo messo il vestito che mi hai regalato e che era vero che mi avrebbe portato fortuna perché il viaggio era andato bene e per scaramanzia l’ho messo anche al ritorno e anche il giorno del mio compleanno..

E ti dovevo scrivere che erano belli anche gli orecchini ma nn l’ho fatto..

E sei l’unica a cui ho sempre detto tutto, anche perché se non te lo dicevo..mi beccavi dalla faccia..

E con chi ci vado io a Sherwood adesso..

e chi mi fa da coach Stylist..

e chi me lo dice che sono bellissima..

e con chi vado in giro per il mondo quando sarò una vecchia grassa maman ubriacona con pincer al guinzaglio..

Eri il mio nero.. e io il tuo bianco.. paradossale no?

Bello scherzo mi hai fatto..

E ho solo una foto insieme.. e la metto.. e anche se non volevi.. e se ti arrabbi.. e non me ne frega niente..

Tanto lo sai come sono fatta..





LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



mercoledì 7 novembre 2007 - ore 14:18



(categoria: " Vita Quotidiana ")


Perversione
Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
Vai a: Navigazione, cerca
La perversione (dal latino perversum, stravolto) è un atteggiamento deviato che si realizza nell’ideazione e perseguimento di comportamenti distorti rispetto al senso comune. Questo termine, dunque, viene utilizzato per quei comportamenti che si oppongono all’ortodossia ed alla normalità. Solitamente perversione è utilizzato come sinonimo di devianza. A causa della differenza tra le varie culture del concetto di "normalità", questo termine può riferirsi a situazioni e comportamenti diversi a seconda della cultura di provenienza.

In passato questo termine era utilizzato soprattutto in ambito religioso per descrivere un’eresia, cioè quel modo di pensare che si opponeva alla comune visione del mondo. Attualmente, tuttavia, questo termine è utilizzato in massima parte nell’ambito della sessualità, e si lega al concetto di parafilia.

Secondo Sigmund Freud la perversione è la tensione al puro godimento, liberando questo termine dalla sua accezione puramente negativa.


Parafilia
Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
Vai a: Navigazione, cerca
Parafilia (dal greco para παρά = "presso", "accanto", "oltre" e filia φιλία = "amore", "affinità"), in psicologia e sessuologia è un termine che indica l’eccitamento sessuale provocato da situazioni o oggetti sessuali che possono interferire con la capacità di avere relazioni sessuali basate sullo scambio reciproco di affettuosità.

Il termine parafilia può essere inoltre utilizzato per indicare pratiche sessuali non usuali, senza necessariamente implicare che queste siano "sbagliate". Questo termine, infatti, è stato coniato per sostituire, all’interno di una classificazione scientifica più rigorosa, la vecchia definizione di perversioni o deviazioni sessuali, fra le quali era stata inclusa anche l’omosessualità e tante altre forme di sessualità del tutto normali e normalmente praticate al di fuori di qualsivoglia condizione patologica.


Forme clinicamente riconosciute [modifica]
Clinicamente sono riconosciute otto maggiori forme di parafilia[1]. Secondo l’ultima edizione del DSM-IV, per essere considerata effettivamente come patologia, tale condizione deve ricorrere per almeno sei mesi e devono manifestarsi come la forma di sessualità esclusiva o prevalente del soggetto, interferendo in modo rilevante con la sua normale vita di relazione e causandone un disagio clinicamente significativo.

Esibizionismo (o Scoptofilia): il bisogno o il comportamento che porta all’esposizione del proprio apparato sessuale ad una persona ignara.
feticismo: l’uso di oggetti a scopo non sessuale o di parti del corpo di una persona per aumentare l’eccitamento sessuale;
freutterismo: il bisogno o il comportamento che porta a toccare o strofinarsi contro una persona non consenziente;
Pedofilia: l’attrazione sessuale a ragazzi in età prepuberale o bambini prossimi a questa età;
Masochismo: il bisogno o il comportamento che porta il voler essere umiliati, morsi, legati o a soffrire in altri modi;
Sadismo: il bisogno o il comportamento che porta atti di panico e umiliazione della vittima ad essere sessualmente eccitanti;
Feticismo di travestimento: un’attrazione sessuale verso persone che indossano abiti del sesso opposto;
Voyeurismo: il bisogno o il comportamento che porta allo spiare persone ignare mentre sono nude, in intimo, o avendo rapporti sessuali;
Altre forme meno comuni sono raggruppate sotto Disordini Sessuali, come la zoofilia (animali), coprofilia (feci), necrofilia (cadaveri), urofilia (urina).

L’Omosessualità era precedentemente elencata come parafilia nel DSM-I e DSM-II. Con il consenso degli psichiatri è stata tolta nelle edizioni successive. Un disordine clinico dell’ansia causata dalla repressione dell’omosessualità fa ancora parte del manuale.


COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



mercoledì 31 ottobre 2007 - ore 18:22



(categoria: " Vita Quotidiana ")


IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO!

Languore in sensazione d’assenza..

Elevazione in divenire di potenza..

Degustazione in atto alla mattina..

Soddisfazione intensa repentina..

"-buongiorno..

-buongiorno.."


COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



giovedì 25 ottobre 2007 - ore 19:01



(categoria: " Vita Quotidiana ")


AMORE SOLUBILE
IN ACQUA CALDA..

COME IL TE CHE TI OFFRO,
L’ACQUA CON LA POVERE PER FARE LE BOLLE,
IL BISOLVON,
IL RISOTTO LIOFILIZZATO,
IL BRODO GRANULARE,

SOLUBILE COME LA MIA BUONA VOLONTA’..


COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



mercoledì 24 ottobre 2007 - ore 13:53



(categoria: " Vita Quotidiana ")


MAIL RICEVUTA DAL MIO EX RESPONSABILE...
Si vede proprio che la vita del nostro folle ufficio gli manca!!!

Meno male che esiste l’etere!!

RIVENDICAZIONE :



Io, il PENE, rivendico un congruo adeguamento economico e normativo per le seguenti motivazioni:



1 – Lavoro impegnandomi fisicamente.

2 – Lavoro in profondità.

3 – Lavoro in un posto umido.

4 – Lavoro in un ambiente buio e senza aria condizionata.

5 - Lavoro ad alte temperature.

6 – Lavoro a rischio di malattie infettive

7 – Lavoro con la testa.

8 – Lavoro soprattutto di notte senza il pagamento degli straordinari.

9 – Lavoro anche nei week-end senza il riposo compensativo.



REPLICA DELL’AZIENDA :

L’AZIENDA NON RICONOSCE LA VALIDITA’ DELLE RICHIESTE FORMULATE POICHE’ DA UNA SERIE DI RIVELAZIONI DERIVANTI DAL CONTROLLO DI GESTIONE, RISULTA CHE IL SUCCITATO PENE :



1 – Non lavora per otto ore consecutive, comunque MAI quanto sarebbe opportuno.

2 – Si addormenta spesso sul posto di lavoro dopo una breve attività lavorativa.

3 – Si riposa molto fra un lavoro e l’altro.

4 – Non mantiene il suo posto di lavoro pulito al termine della sua attività.

5 – Non ha iniziativa, per farlo lavorare seriamente bisogna stimolarlo.

6 – Difficilmente accetta di fare un secondo turno consecutivo.

7 – A volte lascia il posto di lavoro prima di aver concluso l’attività.

8 – Non sempre obbedisce alle esigenze dei superiori.

9 – Non sempre è fedele al suo posto di lavoro ma, a volte, svolge intensa attività con la concorrenza.

10 – Inoltre, lo si vede entrare ed uscire continuamente dal suo posto di lavoro trascinando due borse sospette.


COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



lunedì 22 ottobre 2007 - ore 15:49


SENZA PAROLE....
(categoria: " Vita Quotidiana ")


NON MI PERDONO PERCHE’ HO PECCATO..

Questa la dedico sempre a quello carino,
che tendo però a sopravvalutere...
Errore mio, dopotutto, perché perseverare è diaboloco

e io, nell’errore.. persevero sempre..

TU MENTI - CCCP

Tu menti tu menti tu menti menti
conosco chi conosci tu
so dove vai
ti sei preso in giro
ti sei rovinato
ti hanno fottuto
fregato fregato
eri così carino
eri così carino
pigro di testa
e ben vestito
non fai niente di male
niente di ciò che credi
non sai quello che vuoi
non riuscirai ad averlo
niente è gratis
niente è a posto
le insegne luminose attirano gli allocchi
eri così carino
eri così carino
pigro di testa
e ben vestito
affrettati fa presto
il gioco volge al termine
punta sul nero
punta sul rosso
punta di più
il gioco è fatto
la posta sei tu
eri così carino
eri così carino
pigro di testa
e ben vestito
questa volta sul serio
dicono sempre così:
io sono l’Anarchia
ecco un altro Anticristo
ma eri solo carino
proprio carino
pigro di testa
e ben vestito
senza i blue jeans
eri carino
proprio un amore di ragazzino


....e sono rimasta senza parole...
o forse non ho più niente da dirti...

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 16 ottobre 2007 - ore 09:47



(categoria: " Vita Quotidiana ")




I cuccioli d’uomo
dormono abbracciati..

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



venerdì 12 ottobre 2007 - ore 20:22



(categoria: " Vita Quotidiana ")


Lettera autentica spedita ad Andrea Biavardi Direttore di FOR MEN.


COMMENTO DI UNA LETTRICE ANONIMA PER IL DIRETTORE.

Lo confesso.
Ho ceduto alla tentazione di comprare la nuova
rivista maschile "For Men Magazine".
Del resto, come potevo resistere agli affascinanti argomenti
annunciati dalla copertina (che, tra parentesi, ritrae un tizio con una faccia
da pirla e un asciugamano di spugna bianca che fa tanto "figo da spogliatoio")?
Almeno quattro i titoli memorabili:
"Falle dire basta stanotte!"
"Ricco entro Pasqua: 15 idee geniali"
"Trucchi: mangi il doppio diventi la metà"
"Smetti di fumare e voli ai Caraibi".
Non vorrei deludere il geniale direttore Andrea Biavardi,
ma a far dire "BASTA" a una donna siete già
tutti bravissimi da soli poichè di solito ne abbiamo
abbastanza dopo i primi tre minuti.
La vostra difficoltà sta nel farle dire "ANCORA!", al limite.
Ci pensi su, per il prossimo numero.
Riguardo allo slogan "Ricco entro Pasqua", beh,
signor Biavardi, se vuole fare le cose fatte bene, nel prossimo
numero alleghi anche due simpatici gadgets: passamontagna e
chiave inglese.
Alla promessa "Mangi il doppio e diventi la metà",
invece, tenderei anche a credere.
Bisogna vedere la metà di cosa?
Io se mangio il doppio, signor Biavardi,
divento l’esatta metà del Partenone, in effetti.
Infine, sempre in copertina, campeggia la scritta "Smetti
di fumare e voli ai Caraibi".
Guardi signor direttore, io non ho mai conosciuto uno
che abbia smesso di fumare e che sia andato in un’isola
tropicale a festeggiare.
In compenso ho sentito un sacco di gente che ha cominciato
a fumare sostanze illecite e s’è fatta
certi viaggi senza neanche uscire di
casa che lei neanche si immagina.
Ma questo è solo l’inizio.
Una si illudeì che il peggio sia già tutto in copertina e
invece no, il meglio è all’interno!
A pagina 52 c’è un avvincente e istruttivo servizio con
tanto di foto redazionali su "come slacciarle il
reggiseno" che tiene conto dei vari modelli (classico,
seduttivo, sportivo...).
A parte l’intelligenza del servizio in sè, vorrei
soffermarmi sul consiglio per slacciare rapidamente
il modello sportivo, che è : "se lei è spiritosa dacci un
taglio con le forbici!".
Biavardi, io le garantisco che sono una donna alquanto
spiritosa, ma se un uomo che magari conosco da
poco, in un momento di intimità mi tira
fuori dal taschino un paio di forbici, io come minimo
penso che sia il mostro di Milwaukee e nella migliore delle ipotesi
gli assesto un calcio nelle palle che il mese dopo il soggetto in
questione passa dal suo For Men Magazine a Donna Moderna.
A pagina 50 poi, si tocca l’apice grazie ad un servizio
che affronta la spinosa questione: "Se l’iguana domestico ci
prova con tua moglie".
Nell’articolo si sostiene infatti che ci sono diversi casi
di molestie sessuali da parte di iguana nei confronti di donne con il ciclo.
Senta signor Biavardi, lei l’ha mai vista una donna col ciclo?
Mi segua signor direttore, non parlo di una donna in sella al motorino.
Parlo della donna in quei giorni lì.
Ecco guardi, io in quei giorni ho la cera del cugino Itt e l’affabilità di
Godzilla, non mi si avvicinerebbe a meno di cento metri un velociraptor si figuri un iguana.
E infine, l’apoteosi vera e propria: il test "sei uno stallone o una schiappa?".
Le domande sono tra le cose più esilaranti che io abbia mai letto in vita mia.
In pratica sei ritenuto uno stallone se rispondi sì a domande come questa:
"Ti è mai capitato di farlo con una donna e poco dopo, con la sua
compagna di stanza?"
"Un sacco di volte! Alla casa di riposo "Domus Mariae".
O "Di essere chiamato da una donna che ti chiede se può
venire da te alle nove del mattino?"
Sì certo, da una rappresentante della Folletto.
Mi fermo qui.
Donne, consoliamoci: noi una volta al mese avremo pure le
nostre cose, ma loro una volta al mese hanno For Men Magazine in edicola.
Mica lo so’ chi sta peggio!

LEGGI I COMMENTI (3) - PERMALINK



venerdì 12 ottobre 2007 - ore 18:06


Arieccomi!
(categoria: " Vita Quotidiana ")


ARIECCHIME...!

Sottolineo..
solo perché i miei amichetti mi reclamano!

LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



martedì 13 marzo 2007 - ore 10:42


MOSTRA JACOVITTI
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Mostra Jacovitti a Varallo Sesia
E’ allestita a Varallo Sesia, fra le boschive propaggini del Monte Rosa (in provincia di Vercelli) nel bellissimo Palazzo D’Adda, una mostra dedicata al grande autore di fumetti Jacovitti. Un centinaio di tavole originali, pupazzi, giochi e mille oggetti nati dalla fantasia del mirabolante artista. La mostra rimarrà aperta dal 17 Febbraio fino al 9 Aprile del 2007.
Orari apertura Sabato e Domenica dalle 15.00 alle 19.00. Per gruppi e scolaresche apertura su prenotazione.
In occasione dell’esposizione saranno organizzati degli speciali laboratori sul fumetto rivolti a tutti i bambini. I laboratori sono organizzati dal gruppo artistico dello Sciacallo Elettronico.


COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK




> > > MESSAGGI PRECEDENTI
APRILE 2021
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30


Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG


BLOG che SEGUO:


nico
m@rcello

Apollo13




asturia

ebe



BOOKMARKS


www.x-tra-x.de
(da Tempo Libero / Bellezza )
candlemass.net
(da Musica / Cantanti e Musicisti )
www.officinarock.interfree.it
(da Pagine Personali / HomePage )
drivemagazine.net
(da Musica / Cantanti e Musicisti )
obinocomix.com
(da Arte e Cultura / Cartoni & Fumetti )
sito dark per eccelenza
(da Musica / Cantanti e Musicisti )



UTENTI ONLINE: