onussen
Spritz.it - onussen's HOME - BLOG DIRECTORY - IL TUO BLOG - Segnala qs BLOG



NICK: onussen
SESSO: m
ETA': 25
CITTA': padova
COSA COMBINO: lavoro
STATUS: sistemato

[ SONO OFFLINE ]
[PROFILONE COMPLETO]

[ SCRIVIMI ]



STO LEGGENDO
SCULTORI DI SUONO
di Daniela Cascella

BLOW UP (come sempre)


HO VISTO
il mondo circostante


STO ASCOLTANDO
NAKED CITY
"Complete studio recordings"

DAVID S, WARE
"Live in the world"

FENNESZ....qualsiasi cosa

PAN SONIC......qualsiasi cosa


ABBIGLIAMENTO
del GIORNO
vestiti di cotone


ORA VORREI TANTO...
1-fosse Agosto
2-non aver optato per un pc invece che per un mac2


IN QS PERIODO STO STUDIANDO...
non studio


OGGI IL MIO UMORE E'...
mezzo


ORA VORREI TANTO...


ORA VORREI TANTO...


ORA VORREI TANTO...




PARANOIE
Nessuna scelta effettuata

 


MERAVIGLIE

Nessuna scelta effettuata




““Un albero dai frutti amari come l’acqua”

Un giorno tre animaletti, una capretta una tartarughina e un elefante, stavano passeggiando per la città guardandosi intorno e ad un certo punto videro un cane cieco che veniva orientato da un vecchio che teneva al guinzaglio. I tre animaletti si spostarono verso il cane e gli chiesero se voleva unirsi a loro nella passeggiata. Il cane però non voleva abbandonare il suo fido vecchietto e così i tre animaletti portarono il vecchio all’ospizio e ne acquistarono un altro ( nuovo) con lo sconto di 300.000 lire offerto dal governo per la rottamazione dei vecchi.
Il cane cieco era molto contento di avere un nuovo fido più forte e più vigoroso e così gli animaletti, diventati ora quattro continuarono la passeggiata. Il cane cieco confessai suoi nuovi amici che lui viveva da solo da molti anni e che aveva già deciso di suicidarsi, ma aggiunse che adesso che aveva trovato loro era felice di iniziare una nuova vita. ( che bello!)
I quattro erano troppo entusiasti del sentimento che li stava unendo che non si erano accorti che il fido vecchietto appena comprato era difettoso.
Infatti mentre i quattro stavano attraversando la strada il fido si bloccò proprio nel momento stesso in cui stava arrivando un grosso camion che trasportava cavalli e il povero cane venne investito e ucciso.
La fortuna però, era dalla parte dell’elefante, ella capretta e della tartarughina che, non solo rimasero illesi, ma conobbero anche un cavallo che era riuscito a scappare dal camion al momento dell’impatto. Questo permise ai tre animaletti rimasti, di dimenticare subito il defunto cane( + CHE ALTRO NON GLIENE FREGAVA UN CAZZO!) e di unirsi ad un altro animaletto ( PROPRIO BUONO QUESTO YOGURT COMPATTo ALA ZIGNAGO!).
Gli animaletti divenuti di nuovo quattro continuarono la loro passeggiata e arrivarono ad un aagenzia di viaggi,,,,,,,, così non avendo un acasa, decisero di emigrare in Germania. Si guardarono tutti in tasca, ma non essendo cangurie, di conseguenza, non avendo tasche guardarono nell’unico posto dove avrebbero potuto mettere i soldi e ne trovarono abbastanza per nadare fino a Brema con un treno merci.
Arrivati a Brema non avevano più soldi e divennero così i mendicanti di Brema . Poi all’elefante che era sicuramente il più intelligente dei quattro ( la tartarughina invece era un po’ più LENTA a pensare) venne in mente che a Brema tempo prima c’erano i musicanti e che loro sapevano tutti suonare uno strumento. Così i quattro divennero i “MUSICANTI DI BREMA II”: l’elefante suonava la batteria, la tartarughina il basso, il cavallo la chitarra e la capretta cantava.
Onestamente il gruppo era buono visto che la capretta era un incrocio tra le smorfie di Billy Joe e la grinta di Fat Mike e con l’aggiunta di un batterista come l’elefante che pestava su tre pedali( due zampe e la proboscide) era già un ottimo collettivo. La tartaruga al basso se la cavava, mentre il cavallo non era un cattivo chitarrista, ma si allontanava troppo dallo stile HARD CORE ( tipo NO USE FOR A NAME) del gruppo. Così alla prima occasione l’elefante, la tartarughina e la capretta si liberarono del cavallo.
Un giorno infatti, l’equino stava camminando, quando, avendo uno zoccolo slacciato, inciampò e cadde. I tre dissero: “ ACCCIDENTI E AI DENTI?! TI SEI AZZOPPATO!” E lui rispose: “ MA VA NON HO NIENTE!”. E loro: “NO , INVECE TI SEI AZZOPPATO!” E per non farlo soffrire lo ammazzarono con una fucilata!
A quel punto sorgevano due problemi: 1) dove nascondere la carcassa del cavallo 2) dove trovare un altro chitarrista.
Il primo fu risolto subito perché bastò portare il cavallo dalla MARTINA: CARNE EQUINA OGNI MATTINA! Il che procurò anche dei bei soldini ai tre rimasti.
Il secondo problema non era così facile da risolvere. I tre si misero a pensare e si ricordarono di aver sentito parlare bene di due chitarristi: il toro che fugge dal gregge e il vitello di mare.
Così i tre si divisero: la tartaruga andò nel gregge ( come sappiamo era lenta e non capiva che il toro era già fuggito…); l’elefante andò nel culo del mona che legge e la capretta in figa to mare.
La tartaruga tornò naturalmente a bocca asciutta, l’elefante nel culo del mona che legge trovò solo il cazzo del toro, mentre la capretta ebbe la fortuna di trovare il vitello di mare che accettò la proposta di diventare il chitarrista del gruppo.
I quattro fecero un po’ di concerti in giro per Brema e un giorno vennero contattati da un dirigente di un’etichetta indipendente che gli propose di fare da spalla ai SOMA nel oro prossimo tour in giro per il mondo. I quattro animaletti non ce la facevano + dalla felicità e si misero d’accordo per andare a firmare il contratto la sera stessa.
Così verso le nove i quattro si prepararono e si misero in cammino verso la sede dell’etichetta indipendente. Erano proprio a trecento metri dalla meta quando un gruppo di NAZISKIN anche un po’HIPPIES, li fermò e cominciò a pestare tutti tranne la capretta, che chiese: “Perché non mi pestate?” e i NAZI :” Perché sei bianca!”. Ma la capretta che era amante dei NOFX disse “ DON’T CALL ME WITHE!” ( canzone antirazzismo dei NOFX, appunto), ma visto che gli SKIN erano ignoranti la capretta dovette tradurre e gli SKIN dopo aver capito pestarono a morte anche lei!
I quattro morirono dimenticati a trecento metri dalla fame, ma non dalla fortuna, visto che morendo andarono nel paradiso degli animali dove incontrarono , il cavallo, il vane e il PORCO (dio!)
(AH!AH!AH!) !

MORALE DELLA FAVOLA:
1)Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco
2)Meglio un pesce oggi che un buon brodo domani!
3)Uovo vecchio fa buon lardo!
4)Tanto va la gallina al brodo che ci lascia lo zampino.
5)Chi dorme non piglia pesci. ”

(questo BLOG è stato visitato 1310 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite,


ULTIMI 10 messaggi
(per leggere i precedenti naviga attraverso il calendarietto qui a destra:
i giorni linkati sono quelli che contengono interventi )


giovedì 9 giugno 2005
ore 23:54
(categoria: "Accadde Domani")



Dato che mi sono iscritto solo per insultare conosciuti e sconosciuti e che non aggiornerò probabilmente mai questo blog, lascio questo post per consetirvi di offendermi pubblicamente

LEGGI I COMMENTI (13) - SEGNALA questo BLOG

FEBBRAIO 2020
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29

RICERCA:
Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG


BLOG che SEGUO:


BOOKMARKS

Nessun link inserito: Invita l'utente a segnalare i suoi siti preferiti!

UTENTI ONLINE: