BLOG MENU:


Feck-U, 29 anni
spritzino di menticato da dio
CHE FACCIO? piangere
Sono single

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]


STO LEGGENDO



Tiziano Terzani: La fine è il mio inizio

Nietzsche: Le Gai Savoir.


HO VISTO







STO ASCOLTANDO

Electro/Industrial

Laibach - Tanz Mit Laibach
Feindflug - Stukas Im Visier
Straftanz - Straftanz
Steinkind - Deutschland Brennt
Wumpscut - War
Combichrist - This Shit Will Fcuk you up
P.A.L.- Gelöbnis
And One - Panzermensch
Suicide commando - Bind Torture Kill
Ultraviolence - Hardcore Motherfucker
DAF - Der Mussolini
Front 242 - Headhunter

Neofolk / Apocalyptic Folk / Martial:

Death in June - She said Destroy
Bloodaxis - Storms of Steel
Current 93 - Oh coal black smith
Kirlian Camera - Fields of Sunset (days of the scythe)
Luftwaffe - Patriarch Militant
Sixth Comm - The Calling
Der Blutharsch - Track 02 (from When All Else Fails!)
Current 93 - Black Ships in the sky
Gae Bolg - Totentanz
Death in June - Little Blue Butterfly
Tony Wakeford & Andrew King - Down the road slowly
Bearer of the Inmost Sun - Hail Jerusalem
Kreuzweg Ost - Fur Kaiser, Gott Und Vaterland
In Extremo - Herr Mannelig

Dark - Post Punk - Death Rock - qualcosa (poco) di Wave:

Action Pact! - Gothic Party Time
Aimless Device - Hyena
Hysteria - Tears of Wax
Alien Sex fiend - Ignore the Machine
Cinema Strange - En Hiver
Deadfly Ensemble - Horse on the Moor
Deathride 69 - State of Decay
Dead Kennedys - Holiday in Cambodia
Der Fluch - Betet fur uns
Einsturzende Neubauten - Was ist ist
Elesde - Darkness Party
Tubalcain - Andy Warhol
Esplendor Geometrico - Moscu Esta Helado
John Foxx - Underpass
Joy Division - Warsaw
Malaria - Kaltes Klares Wasser
New Days Delay - Stereo Katastrophe
Phantom Limbs - Castanets Cookie
Sex Gang Children - Sebastiane
Scarlet’s Remains - Circular Thoughts
Siouxsie and the Banshees - Playground Twist
Skeletal Family - Hands on the clock
Romper Stomper Spundtrack - Pulling on the boots
The Cure - Fire in Cairo
The Last Days of Jesus - Guns’n’Drums’n’March’n’Fun
Tuxedomoon - No Tears
Wall of Voodoo - Mexican Radio
X-mal Deutschland - incubus succubus
Crisis - Alienation
Grauzone - Wutendes Glas
Fehlfarben - Apocalypse (Ernstfall)
DAF - Kebaptraume


Chopin,tutte le opere





Charon
Pantera
Deicide
HIM
Ophelia’s dream
Theatre of tragedy
Nightwish
After Forever
Rammstein
Disturbed
Midwinter
Sullenoid
Soulside
Stage two
Symphonia
Thangelic
Noctus
Dominanoctis
Morning
Forever slave
Octavia sperati
Season’s end
Where angels fall
Forgotten tales
Celestial crown
Slayer
Ineritus dei
Sunterra
Silvermond
Nemesea
Epica
Autumn tears
System of a down
Smashing Pumpkins
Elctrikchair Darkness Mortuary
Jar Of Kingdom
Musta Surma
Kaiken Pyh
Raunioilla
Kaiken Pyhän
Deeds of Flesh
Mark Of The Legion Ebonmortis Reconstruction By Force Stitchface Debauchery
Death Rage Of The Bloodbeast
Blood for the Bloodgod
Negura Bunget
Maiastru Sfetnic Vremea Locului Sortit
Bilskirnir
Atavismus Des Glaubens Einsamkeit
Where Lovers Mourn The Solitude Taming Of The Demons
Train Wreck
In The Korpiklaani Korven Kuningas Kipumylly
Cryptopsy
The Unspoken King
Resurgence Of An Empire
Envaatnags Eflos Solf Esgantaavne
Kuoleva lupaus Clothespinhead
Howling Lament AncientDominion Nocturnal
Four Seasons To A Depression
Hour ofPenance
Pageantry For Martyrs
Egomanisch
Satanic Warmaster
Black Blood
The Chant Of The Barbarian Wolves
Total Soul Rape
Entombed Clandestine
Stranger Aeons
Sterbend Dwelling Lifeless
Last And Dismal Chambers
Carnivore Retaliation
Sex And Violence
Dominus
View To The Dim
Tears In Black
Suicide Silence Deathcore
Distorted Thought
DismemberDeath
Indecent & Obscene
Rompeprop Goregrind Stomphulk
Pelikanelul
Lamb of God


ABBIGLIAMENTO del GIORNO




ORA VORREI TANTO...



STO STUDIANDO...



OGGI IL MIO UMORE E'...






ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


Nessuna scelta effettuata

MERAVIGLIE


Nessuna scelta effettuata


(questo BLOG è stato visitato 30375 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]



lunedì 28 settembre 2009 - ore 23:35


Amami
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Usciamo dalla casa paterna, dove avremmo dovuto essere ben nutriti di amore, generalmente deprivati. Chi molto, chi meno, chi tantissimo. Ogni bambino ha bisogno di un particolare cibo, quasi quanto delle cure materiali, cibo fatto di amore e conferme su cui cresce quel sentimento base di fiducia che permette di sentirsi esistere in questo mondo. Ma accade che, spesso o a volte, manchi, per questo sentimento - base, il nutrimento fondamentale che lo avrebbe dovuto alimentare.
Oltre a iniziare a mettere i germi della rabbia e della contrapposizione, che si manifesteranno probabilmente nella adolescenza, col sano bisogno di conoscersi diverso dai genitori, l’essere umano soffre pure di una grande solitudine in amore: è come se col suo cuore puro e innocente, vivesse il naturale bisogno di amare le persone più vicine a lui, i genitori, con grande trasporto, ma non potesse condividerlo con loro, o non pienamente, poiché essi, travolti da svariati problemi, non sono di solito in grado di colmare e riempire gradualmente la necessità del nutrimento primario affettivo.
E’ come se egli sperimentasse presto questo primo modo di amare, totalmente rivolto all’altro che per contro non si cura, o non sempre e adeguatamente, di lui. E’ un amore che parte da un soggetto, che ne è privo dentro di sè, verso un altro soggetto e genera una sensazione di perdita di amore, di perdita di sè, e appunto di solitudine.
Nell’amore fra adulti il terreno dove è più possibile rivivere questa esperienza e dove si riapre questa ferita è il rapporto sentimentale, passionale. O dove è più acuta.
Se infatti l’adulto non è riuscito a compensare la sua originaria, più o meno grave, deprivazione, o neppure ne è consapevole (grazie a un percorso di conoscenza interiore), non può sentire prima di tutto l’amore che circola dentro di sè, amore-energia-vita, che proviene dal cosmo e lo attraversa; non può sentire che comunque Dio lo ama, e ricordando che ognuno è il Dio di se stesso,che quindi lui stesso può amarsi e riconoscersi degno di stare al mondo e di avere il proprio spazio; si innesca invece il meccanismo di percezione di vuoto dentro e di amore che fuoriesce da sè per convergere del tutto sull’altro, nella dimenticanza di sè e amando nell’amato tutto ciò che della propria costellazione interiore, che ignora, proietta sull’altro.
[innamoramento]. Egli cerca l’amore per sè nell’amore per l’altro [passione] ignorando che solo dalla pienezza può sgorgare un amore libero.
Altrimenti resta la contabilità: se l’altro non ricambia in modo proporzionato si genera appunto solitudine e senso di abbandono; si resta totalmente dipendenti dalla disponibilità d’amore e dalla modalità con cui l’altro ama.
L’Amore deve invece - per sua definizione - essere libero, e in tale necessità sono riconoscibili come veri bisogni esiziali dell’adulto solo quello di amare (e non di essere amato) e quello di essere libero.
Quindi, da un punto di vista strettamente esistenziale, nessun rapporto per l’adulto è fondamentale ed esclusivo, perché, se esso è già amato dal Dio che è in tutti noi, non gli resta altro che redistribuire tutta questa ricchezza.
Succede spesso che l’amore per l’amato possa svelarsi , per la sua natura fortemente emotiva, e quindi corporea, la diretta conseguenza dell’amore per i genitori o per il genitore prescelto, dunque una forma di "rimedio" alle carenze di quel rapporto, nel tentativo di prendere dall’altro o a lui offrendole, tutte quelle gratificazioni che ci sono mancate allora.
La perdita di sè si verifica perché manca nel bambino la "riserva aurea", il patrimonio da cui attingere e attraverso cui passare prima di andare verso l’altro; nell’adulto questo passaggio è stato saltato, poiché il "gruzzolo" è stato troppo magro, la somiglianza con l’amore primario è grande, la speranza di essere risarciti di ciò di cui siamo stati privati è altrettanto grande.
Ma se si impara ad amare in modo più disinteressato, si vorrà il reale bene dell’altro, vedendolo possibilmente per quello che è, si potrà preservare la propria interezza e si saprà condividere tutto quello che è possibile condividere, che potrebbe non essere il "tutto".
Ciò non toglie che ci sia la passione, a cui ci si concede, sapendoci ormai anche giocare e districandovisi con eleganza. Non toglie che ci siano i bisogni, che possono essere vissuti come strumenti e possibilità di dialogo e riconoscimento reciproco.
Ho provato sulla mia pelle la gratuità dell’amore, il piacere di amare fine a se stesso, come nell’amicizia, ma più intenso, là dove l’atto stesso di amare, paga già da sè ed è di grande profondità.
In definitiva il desiderio di accoppiarsi stabilmente non risulta corrispondere a una esigenza fondamentale, pensando anche a quanto questo archetipo (della coppia) sia appesantito da retaggi culturali impressi ormai nel nostro DNA che hanno a che fare col femminile e col maschile… Nella realtà ,quando la coppia c’è, è possibile viverla contemporaneamente al percorso di individuazione e parallelamente alla inesauribile ricerca di liberazione di sé. Processo questo che, come si sa, è interminabile e non può che essere compiuto sulla propria pelle, vivendo nella carne il dolore fecondante delle varie" delusioni".
Dolore, nostro grande strumento di conoscenza, insostituibile e sacro sentire, se è espresso, al punto che mi è possibile amarne la bellezza. Momento essenziale della vita, in cui (ma non solo?) si può toccare con le dita il confine fra la morte e la vita, e quindi restituire a quest’ultima verità e assoluto. Eterno.
Solo nel contatto col suo contrario. Ma per questa purezza e splendore mancano proprio le parole. Mi sorprende a volte scoprire come ogni conquista in questo viaggio di conoscenza di me, e quindi di "noi" sia più appagante che la gratificazione personale nelle varie vicende in cui siamo coinvolti; quasi come se il fine ultimo potesse essere la conoscenza umana stessa, più che non il privato benessere. Benessere e conoscenza che non avranno mai fine in una dimensione evolutiva, del divenire, e che trovano pace nell’essere, nella cosiddetta "presenza", nella benedizione del qui e ora.


si ama la persona o la capacità che ha di far venir fuori il meglio di noi stessi?

LEGGI I COMMENTI (2) PERMALINK



Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG

BLOG che SEGUO:



Twilight

odum

nerafalena

greatfang

CloneA85M9
syst3m
D_r_a_k_e

maraska

darkevil

ebe

lercio

temporale

jek-dyb

annajimbo

architect

pazzz

tintrip

chobin

snowy

decarlà

sicapunk

markosky

luna8

psico

sanja

momo

benny

dansk8

crici

bill sk

banana_joe

lunapark

sorellina

salvojk

miknesiac

chiachiara

cyba

mate ka

punkettina

darrell

nazgul

mortiis

ilcappio

^Alycia^

Dahlia

tala
vampire
replicant

chanel
speranza?
blink

-V-

telete

panocia

censore


BOOKMARKS


by Goth
(da Pagine Personali / HomePage )


UTENTI ONLINE:



contatto msn: ilreverendissimo@hotmail.com Se posso, non faccio un cazzo. Vivo nel mio mondo casa e amici e ho serie difficoltà a rapportarmi con il prossimo. La massa mi fa un po’ paura, ma non certo per snobismo: solo perché sono troppe persone tutte insieme. Odio il traffico, certi tipi di persone, imbottigliarmi per due ore in un ipermercato... odio un sacco di cose, insomma, ma alla fine sono un buono. Sono lunatico, a volte antipatico, altre volte poco educato, non faccio buon viso a cattivo gioco, sono volgare, distratto, immodesto, spesse volte bastardo, quando parlo con qualcuno in linea di massima lo prendo per il culo, mi ubriaco almeno due volte a settimana, se posso una canna me la faccio, quando i testimoni di geova suonano alla porta alla mattina li mando affanculo (vabbé, questo lo fanno tutti, tranne i testimoni di geova stessi), sono disordinato, immaturo, infantile, puerile, disincantato, disadattato, ho sempre l’espressione disgustata,faccio il grosso perchè sono voluminosamente superiore alla media, piscio fuori dal water (vabbé, questo lo fanno tutti i maschi, credo...) e non abbasso la tavoletta del cesso (e anche questo lo fanno tutti i maschi...) e se finisce il rotolo della cartigienica non lo cambio e aspetto che lo faccia qualcun altro. Se nessuno ne ha preso uno nuovo e me ne accorgo prima di sedermi sul cesso ne prendo uno nuovo io, ma lo lascio dove capita e certo non lo metto nel portarotolo. Se invece non me ne accorgo in tempo e mi devo pulire con Novella 2000 bestemmio peggio di un camallo. Odio le cose serie e non faccio nulla che non abbia anche un aspetto divertente. Il mio senso dell’umorismo volteggia tra il disgustoso e il macabro, e in linea di massima lo uso quando non dovrei usarlo. Non amo litigare e cerco di non farlo mai, ma se mi intrippo a bisticciare da una cazzatina riesco a farne venire fuori una discussione di ore. Ho anche degli hobby.Leggo, ogni tanto scrivo, colleziono fumetti e armi giocattolo (ahah, armi giocattolo alla tua età?, ahah... Sì, armi giocattolo. E vaffanculo.).
FEBBRAIO 2020
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29