BLOG MENU:


split70, anni
spritzina di
CHE FACCIO?
Sono sistemato

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]
STO LEGGENDO



HO VISTO



STO ASCOLTANDO



ABBIGLIAMENTO del GIORNO



ORA VORREI TANTO...



STO STUDIANDO...



OGGI IL MIO UMORE E'...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


Nessuna scelta effettuata

MERAVIGLIE


Nessuna scelta effettuata


(questo BLOG è stato visitato 7324 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]



venerdì 31 gennaio 2014 - ore 22:14



(categoria: " Vita Quotidiana ")


Lasciare andare tutto, dire basta a tutto, ogni cosa ha preso un gusto più che amaro, è tutto incolore, sbiadito e scialbo, anche insignificante.
Un lamento di insoddisfazione e rabbia di vedere e sentire le solite cose.
Basta i passaggi delle mode, basta seguire le correnti, basta all’opportunismo, che ormai ha contagiato le folle.
Si allontana questo fiume di rifiuti esistenziali, con avidità di interesse, di desideri materiali, pure di quelli spirituali.
Speranza e buoni intenti sono cibi avariati, senza più morale, senza più sentimento.
Un marcio miscuglio, di parole, pensieri, prospettive. Enigmi che non meritano più risposte.
Giudizi che non fanno più effetto, tutto da solo la nausea.
Questa è poesia? Non tange ciò che è.
Poesia , lamento, sfogo, senso ha il senso di niente.
Ciò che ha valore ora è solo il silenzio.
E dove sto, non volerà nemmeno una mosca. Vuoto come voragine che porta via con sè, fino all’oscuro fondale, tutto quello che ho raccolto nel cammino. Fossero solo sterpaglie, risulterebbero come concime per invigorire la pianta, quale corpo.
Ho cresciuto dentro calamite, che hanno attirato angeli e demoni, insieme al frastuono delle variopinte personalità altrui.
Mi sono sconfitta molte volte, con le armi più potenti.
Ho però riscontrato un immunità alla morte.
Ho creato un immenso vuoto di spazzatura, e il genuino l’ho consumato troppo presto, che ora resta solo polvere nera.
Non posso dimenticare parole taglienti, facce felici di illusioni regalate. Ho sputato parte di tutto questo, e ora rimane un vuoto di un silenzio pesante.
Un sordo silenzio con lo spasmo della paranoia, come ritrovarmi in una fogna
dove la vita è la morte dei miei sentimenti, dove prima scorreva acqua di sorgente,
dove ora scorre melma lasciata da un mostro.
Ho incorporata erba rampicante che mi prude dappertutto, che mi tormenta il sistema nervoso,
per un rilascio di germi infestanti di pensieri squallidi e oscuri.
Sono rimasti incubi ad intermittenza, in un cervello reso debole più del corpo che ancora mantiene una corazza metallica un po arrugginita.
Il sangue bollente parte dalla testa e si irradia in tutti i vasi sanguigni, ingrossando vene di rabbia e veleno dai colori scuri.
Un silenzio ad alta temperatura che trattengo, ed alterno a lamenti che mi devastano.



LEGGI I COMMENTI (3) PERMALINK



Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG

BLOG che SEGUO:




BOOKMARKS


Nessun link inserito: Invita l'utente a segnalare i suoi siti preferiti!

UTENTI ONLINE:



DICEMBRE 2022
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31