BLOG MENU:



concy_kiss, 26 anni
spritzina di Abano Terme
CHE FACCIO? IUAV Pianificazione e politiche per la città, il t
Sono sistemato

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]


STO LEGGENDO



"Io prima di te", Jojo Moyes







HO VISTO


Barcellona


Lisbona


Roma


Berlino


Firenze


Londra


Parigi



Cambridge




STO ASCOLTANDO



Il bello d’esser brutti
J-ax




Pop-Hoolista
Fedez


Chaos and the calm
James Bay




ABBIGLIAMENTO del GIORNO



ORA VORREI TANTO...

"Scappare... Scappare in qualche posto che sia migliore di questo, lontano da tutto e da tutti...
Da quello che mi fa stare male...
Andare via e ricominciare tutto daccapo!!!"

Valeva allora e vale ancora oggi... Ogni giorno, ogni istante...
Vorrei essere dove non posso essere, in quel posto dopo splende il sole anche quando ci sono le nuvole, in quel posto dove so che sto bene...

Ora più che mai voglio ricominciare a sognare... Come sto piano piano ricominciando a fare!

"Oggi riconosco il suono, della voce di chi sono..."

STO STUDIANDO...

Pianificazione e politiche per la città, il territorio e l’ambiente

OGGI IL MIO UMORE E'...

Un giorno senza sorriso è un giorno perso!
Sorridiamo sempre, serchiamo di farlo ogni giorno!
Si fa quel che si può per essere sempre migliori, ogni giorno di più...
Ci poniamo degli obiettivi e cerchiamo di raggiungerli...

Pretendi sempre tanto da te stesso!!
Non smettere mai di inseguire i tuoi sogni!

ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


Nessuna scelta effettuata

MERAVIGLIE


1) il sesso
2) svegliarsi accanto alla persona che si ama


Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG

BLOG che SEGUO:




BOOKMARKS


Nessun link inserito: Invita l'utente a segnalare i suoi siti preferiti!

UTENTI ONLINE:




(questo BLOG è stato visitato 5267 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]



lunedì 20 luglio 2015 - ore 15:14


Donne e buoi dei paesi tuoi...
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Si sa, le donne sono rocce nel profondo...
In certe situazioni, le donne sono capaci di tirare fuori una forza che nemmeno loro sapevano di avere...
Così, ogni tanto leggo delle storie, che mi colpiscono e mi emozionano.
Come questa.
La forza delle donne, racchiusa in qualche decina di righe.


"Donne e buoi dei paesi tuoi: me l’hanno detto spesso!
La prima volta che sono partita per una vacanza in Thailandia i miei più cari amici (quelli del liceo, quelli che la cattiveria ce l’hanno nel DNA e con i quali anche dopo 20 anni ti ostini a condividere gli eventi essenziali della vita) sono stati chiari: “smetti di fumarti delle canne e stai coi piedi per terra. Non puoi stare via un mese intero, come fai col lavoro?”. Quando sono tornata dal mio secondo viaggio e ho raccontato di essermi innamorata di un thailandese, hanno perso la ragione: “sei passata ai funghi allucinogeni? Perché non ricominci a fumare le canne?”. E poi giù con mille “questo vuole i tuoi soldi”, “pensa già di aver attaccato il cappello”, “vuole solo venire in Italia” e non da ultimo “perché non parti per una vacanza a Cuba?” con una sottile vena ironica che parla da sé. Non me ne hanno risparmiata mezza. Un paio d’anni dopo, li metto di fronte al fatto compiuto: “sono incinta, mi sposo con Alee a Bangkok. Chi vuole venire? Ad aprile partorisco e quando la bimba o il bimbo avrà sei mesi ci trasferiamo”. Devo dire che in quell’occasione hanno reagito con raffinatezza e buon cuore, sebbene in seguito, si sfiorassero questioni densissime di significato e paure: “vai a Phuket? E che cosa farai laggiù? Hai studiato una vita per andare a vivere dove non c’è niente?”; “Sarai da sola, con una bimba piccola e senza l’aiuto dei tuoi genitori”. E infine la più pungente: “la vita di coppia è difficile, voi neanche parlate la stessa lingua. Donne e buoi dei paesi tuoi, ti dice niente?”.
Ho conosciuto Alee a Phuket nel 2010 e tre anni dopo ho fatto il botto: matrimonio, ho partorito la nostra bambina e mi sono trasferita. In un colpo solo ho affrontato tre tappe fondamentali della vita di una donna, durante le quali difficoltà, solitudine, depressione sono lì fuori dalla porta.
L’incontro con Alee ha stravolto la mia vita. Avete mai letto sul web di quelle persone che hanno lasciato la casa, il lavoro, decidendo di vivere del proprio orto magari attraverso il baratto? Che non usano lo shampoo per i capelli, e il sapone se lo fanno loro? Che in contatto con la natura hanno ritrovato un senso di libertà e di pace interiore? Che non tornerebbero mai più a vivere in case di cemento e ad utilizzare la macchina? Ecco: vi presento Alee, o almeno il suo spirito. Non possiede uno smart phone, non utilizza Skype, va in giro senza orologio. Mangia solo riso e il pesce pescato da lui stesso o al massimo da qualche fidato amico. Non beve caffè, birra, non fuma. Non gli piacciono i ristoranti e i locali affollati. Alee respira il profumo dell’aria e mi dice che ore sono, guarda il cielo e capisce se verrà a piovere. Parla con gli animali e si intendono – l’ho sentito con le mie orecchie. E’ un uomo d’altri tempi, legato alla terra e al mare, solitario e di poche parole.
Io invece vengo dai “paesi tuoi”: ho Iphone, Ipad e computer; utilizzo Skype e whatsapp anche quando sono al gabinetto; mangerei solo pizza, patatine e maionese; amo il caffè corto e amaro; adoro i locali affollati, la musica alta e mi piace fare tardi; ora sono le 11 del mattino perché il sole è alto e il mio orologio segna le 11. Sono il risultato di tutto ciò che l’occidente e il progresso hanno messo insieme, sono legata al pensiero e alla poesia scritta. La domanda viene da sé: che cosa ci faccio con una persona come Alee? O lui con me, si intende. Donne e buoi dei paesi tuoi.
Alee è una notte serena d’estate, un uomo in pace con se stesso ; io il sole d’agosto che picchia forte – sulle croste direbbero i miei amici – ansiosa, assillante, ripetitiva. Mi piace descrivere Alee come un principio, nel senso di essenza. Inoltre, mi piace pensare che esistano mille modi diversi di essere donna e mille altri di essere uomo: poniamoli su un continuum, ai due estremi ci siamo io e Alee. Dieci anni fa, lo Tsunami gli ha portato via tutto, la casa, la barca. Era in spiaggia quando un’onda di dieci metri dopo poco ha devastato tutto. Dieci anni fa, io mi iscrivevo alla scuola di specializzazione per diventare psicoanalista. Ammetto che avevo molte più cose in comune col mio ex, che abitava nella mia stessa città, che dopo il master aveva ottenuto un contratto a tempo indeterminato nell’azienda in cui aveva fatto lo stage.
Donne e buoi dei paesi tuoi, mi hanno detto spesso gli amici. Non mi hanno però mai detto che quest’uomo dell’altra parte del mondo non mi avrebbe mai fatto sentire da sola durante la maternità; che mi avrebbe svegliato per la poppata notturna quando io nemmeno capivo di essere al mondo; che durante lo svezzamento avrebbe preparato la prima pappa; che l’avrebbe addormentata ogni volta che il seno non sarebbe bastato. Non mi hanno mai detto che quest’uomo silenzioso e solitario si sarebbe messo a cantare per far ridere la sua bambina e che l’avrebbe consolata ballando; che le avrebbe fatto sino a cinque bagnetti al giorno per darle ristoro dal caldo soffocante. Non mi hanno mai detto che le avrebbe scelto lui stesso dei vestitini nuovi.
Al cuore non si comanda…questa cosa, ne sono certa, è falsa, poiché al cuore delle persone che ci vogliono bene si comanda eccome, e prima o poi accetteranno le nostre scelte difficili."




COMMENTA (0 commenti presenti) PERMALINK



GIUGNO 2022
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30