BLOG MENU:


absinthium, 24 anni
spritzino di ARREso
CHE FACCIO? l'unica cosa che mi resta ormai è DIVULGARE
Sono single

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]



Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG


STO LEGGENDO

-histoire d’O
-un libro per non vedenti
-i crimini dell’amore di De Sade
-tango maiale
-la luna di giorno
-il "Contemptus mundi" di Innocenzo III

HO VISTO

-due occhi che uccidono persino il bisogno di credere in un Dio
-il posto giusto per morire

STO ASCOLTANDO

-un rumore di ferraglia arrugginita
-sinfonie patetiche
-la mia instabilità

ABBIGLIAMENTO del GIORNO

mi vesto da solo??

ORA VORREI TANTO...

-maneggiare e degustare miele
-morfina
-un faro
-qualcosa da odiare ferocemente
-sognare

STO STUDIANDO...

66 pagine del mio secondo libro...

OGGI IL MIO UMORE E'...

non esiste più l’umore ormai...

ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


Nessuna scelta effettuata

MERAVIGLIE


Nessuna scelta effettuata


BLOG che SEGUO:


nekro odum eddy roth Mad Maiden scric85 mole
bedora86
nanuk11 don marco tataMATA

BOOKMARKS


Nessun link inserito: Invita l'utente a segnalare i suoi siti preferiti!


UTENTI ONLINE:




(questo BLOG è stato visitato 3533 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]

GIUGNO 2022
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30


SONDAGGIO: COSA TI FA SENTIRE VERAMENTE VIVO?




l’’instabilità emotiva
il dolore
il gioco
la curiosità
l’’odore della paura
un burrone

( solo gli utenti registrati possono votare )

Monday, September 24, 2007 - ore 16:33


. . non dovrebbe esistere il condizionale come verbo
(categoria: " Vita Quotidiana ")




I miei incantesimi sono infranti.
La penna mi cade, impotente, dalla mano tremante.
Se il mio libro é il tuo caro nome, per quanto mi preghi,
non posso più scrivere. Non posso pensare, né parlare,
ahimé non posso sentire più nulla,
poiché non é nemmeno un’emozione,
questo immobile arrestarsi sulla dorata
soglia del cancello spalancato dei sogni,
fissando in estasi lo splendido scorcio,
e fremendo nel vedere, a destra
e a sinistra, e per tutto il viale,
fra purpurei vapori, lontano
dove termina il panorama nient’altro che Te.

(edgar allan poe)





COMMENTA (0 commenti presenti) PERMALINK