BLOG MENU:


Bossolo, 28 anni
spritzino di Padova
CHE FACCIO? Lavoro
Sono sistemato

utente certificato [ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]
STO LEGGENDO



HO VISTO




spassoso...

STO ASCOLTANDO

In questo periodo un sacco di U2..

ABBIGLIAMENTO del GIORNO

Jeans maglione colorato a righe orizzontali.. colori freddi, invernali

ORA VORREI TANTO...

una nuvoletta per vedere tutto dall alto..

STO STUDIANDO...

...studierò...

OGGI IL MIO UMORE E'...

buono tendente all ottimo..

ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


1) ma in paradiso...che ci siano gli spritz?
2) le discussioni estenuanti

MERAVIGLIE


1) Le castagne appena cotte.. un caminetto, una bella boccia di vino rosso e una persona speciale accanto..
2) un sorriso che non ti aspetti
3) Fare jogging nelle serate gi giugno-luglio e lasciare che i pensieri vadano più veloce delle gambe..
4) quando ridi,fai sesso e filosofeggi con la stessa persona..















Prima che fotografi, occorre essere profondi osservatori..






_______________________________






(questo BLOG è stato visitato 6826 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]



sabato 24 maggio 2008 - ore 14:06


just for..
(categoria: " Vita Quotidiana ")


.. losco!

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



lunedì 24 dicembre 2007 - ore 15:04


missing you..
(categoria: " Vita Quotidiana ")




LEGGI I COMMENTI (3) - PERMALINK



martedì 4 dicembre 2007 - ore 22:12


..
(categoria: " Vita Quotidiana ")


eh sì, la pubblicità su spritz ha dato i suoi frutti.. ingolosito dalla trama ho letto questo libro:





Purtroppo non ho avuto l’occasione e il tempo di investire del tempo in un erasmus.. a distanza di qualche anno dalla fine dell’università mi sono ritagliato però uno spazio di un mesetto in Spagna e, con mia gradita sorpresa (ma neanche troppa a dire il vero, altrimenti..) ho ritrovato diverse emozioni, sensazioni, dubbi e stati d’animo della protagonista.. ed ho avuto il piacere di chiacchierare con un ottimo amicho che l’erasmus l’ha fatto e mi ha confermato che il mood del mio viaggio era molto simile al suo di erasmino, soprattutto per le golose cene e barbebirracue.. [certo io nello sgabuzzino con mister Ice non ci sono finito però fa parte anche quello del gioco.. ]

Un grande abbraccio a Milano, al Messico, al "Nowhere, everywhere", al Messico, al Canada, alla Sicilia, alle Canarie, alla Danimarca, alla Spagna e a tutti i miei compagni di Erasmus indotto..

P.S. BLOG DELL’ AUTRICE solo una domanda Viviana: Nella foto in copertina non si vede la fede!! eheh



COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 4 dicembre 2007 - ore 17:54


AHAHAHHAAHAHAHAHHAHAAH
(categoria: " Vita Quotidiana ")
















LEGGI I COMMENTI (2) - PERMALINK



lunedì 26 novembre 2007 - ore 13:01



(categoria: " Vita Quotidiana ")


complice un weekend piovoso ed un bel raffreddore moccoloso mi sono dedicato alla lettura di un libro regalatomi per il compleanno:





il libro in se mi è risultato scorrevole come lettura, mi sono fatto grosse sganassate in certi punti ed in altri ho lacrimato come un bimbo..
eh, l’ho detto.. è un libro che, almeno per me, richiama all’ordine la tua anima di bimbo, un libro che fa sognare e che RIcarica le energie necessarie per inseguire un sogno.

Qual’è il mio sogno? a 28 anni devo dire che probabilmente il mio sogno non l’ho ancora scoperto, o forse l’ho talmente insabbiato che me ne ricordo l’esistenza ma non so più dove l’ho messo.. e i cassetti standard sono vuoti..

Come sempre, non so quando non so come ma presto o tardi succederà qualcosa..

Smiling..

Zec

LEGGI I COMMENTI (3) - PERMALINK



martedì 6 novembre 2007 - ore 10:04


Grazie -
(categoria: " Vita Quotidiana ")


"I miei occhi. Oggi solo quelli. Da portare con me. Volo pazza, come un uccello. Una rondine. Ci vado ogni volta vicina. Tra i campi di grano. A raggiungere la tua mano disperata. Ma la mano del Re ha accarrezzato il dorso del gatto lasciandogli una striscia di sangue papaverina. Dottore che sintomi ha la felicita’? Campi di grano. Campi. E il cielo in una stanza tutto intero intinto in un pennello che porto al viso ripensando ancora a Te. E cantavo sdraiata in quell’ indaco mentre una nuvola pascolava. E lo facevo con un fiore tra i seni, uno tra i capelli e uno in bocca per nascondere il sorriso della liberta’. Mentre la bella Josien e un fiore carminio si fissavano. Iruin ripeteva parolacce in italiano (che io gli insegnavo). Pedro barcollava. Dominique mangiava le sue mandorle. Kat dormiva sognando la cioccolata. Carlo si perdeva, si e’ perso e non e’ piu’ tornato. Andrea diceva che quella luce del mattino era troppo sporca. E se il mattino sembra il tramonto non si puo’ fare una buona foto cos¡ dormiva sull’amaca. Con le mie mani di bronzo mi sono fabbricata la compagnia delle cose perdute. To the 2046. Mentre dietro di me qualcuno sta pregando.

Frinire di grilli nel cuore.

C’e’ un sentiero giallo fatto di mattoni che percorro con le mie scarpette rosse. E non ho bisogno di dire altro. E quando l’ho detto mi hanno preso in giro.

Eppure sentire...nei fiori tra l’asfalto, nei cieli di cobalto. Un senso. Unsensodite.


Amore.Vieni.Torna. ( Dino Campana a Sibilla Aleramo )"




"Sai Zec... io non ho mai avuto un fratello. Non ho mai avuto qualcuno che mi sgridasse. Nè qualcuno che mi chiedesse di insegnargli a fare le stelle di carta durante il decollo, mentre non riuscivo nemmeno a tenere in mano il foglio tanto mi tremavano le mani dalla paura. Anche se, lo confesso, ora mi fa un pò meno paura. "Pensa che palle dodici ore d’aereo con te" dicevi. "Guarda che bel lago!". "Io non guardo giù se no vomito". D’altra parte quando si parte martedì 17 e mentre sei in fila il cartello della compagnia (appiccicato con lo scotch) cade, non è che puoi sentirti così sereno. E poi sì, ho ancora in mente la tua faccia rincoglionita nelle metrò di Madrid. Quanto mi hai fatto felice. Io sapevo che tu sapevi, ho sempre saputo il tuo nobile gesto di essere lì con me. E tu non hai mai preteso nulla. Mai aperto bocca. E non ho mai voluto dirtelo perchè non trovavo le parole. Quelle parole che tu dicevi di voler ascoltare. Le mie. Non citazioni o racconti. E quel viaggio a ritroso sul pullman. Km fatti in giorni. In un attimo. Così veloci da attraversare il respiro. In fondo tu eri felice di tornare o perlomeno curioso. Io ancora non sapevo se sarei tornata. "Sei partita tigre e torni leone". E "Cosa farai, ora?". Sai.. non l’ho tolto il ciondolo che porto al collo. In fondo è un simbolo di saggezza e immortalità. E ancora più in fondo non ero lì per cambiare me stessa.. e la cioccolata densa con licenza di uccidere. Le strade deserte di Lugo. E "fai una domanda in francese e poi ringrazia in italiano". Oppure "adesso ci giriamo di botto e cambiamo senso di marcia" mentre su una panchina recitavo il monologo dell’abito d’oro. E Santiago. Che freddo. La mattina quando sono venuta in camera tua a piangere. "Siete bravi voi a separarvi..io non ne sono capace..". Kathryn che dice "teste di cazzo". E che si nasconde dietro a un muro dopo averci dato una torta. Mi hai chiesto se ci avrei scritto su un libro. Ti dico che ci sto pensando. Perchè non potrò mai scordare lo smalto azzurro che mi hai portato a comprare. "Perchè sei sempre triste o arrabbiata." Gli sgroppini. Le lunghe discussioni. Sai qui ora si sente poco la tua voce, ma la sento. La sento sempre e la tua ombra quando al mattino vado a correre (eppur si muove...ci vado) è sempre accanto alla mia. Anche quando sono sola sento "Dai piaga, muoviti". Il mood mi manca da morire. Le tue stupide merendine. La tua faccia corrosa con l’aloe (mio). Le mie favole sotto il sole ("..beh un certo punto arriva un nano di merda e dice "a me che cazzo me ne frega che tu devi andare a oz?"). Bastonate. Ah proposito alla fine il neo ho deciso di tenerlo. (no, non lo faccio spostare). Di te che piangi ascoltando jeff buckley. Del tuo tatto proverbiale (" il tuo piede è disgustoso.") Del camminare a occhi chiusi. La libertà. Stupido frigorifero. I video che vorrei vedere e che mai mi hai mandato. Sai io sto bene. ho capito che la mia vita ha bisogno di un senso, uno vero. non solo un battito di mani. Qualcosa che faccia la differenza. E lo ho capito anche grazie a te che mi hai insegnato a essere migliore ogni giorno. Anche se il giorno dopo c’era patè di chorizo per pranzo e niente natilla per cena. Anche se non si faceva mai colazione prima delle 9. Mi manchi. E ringrazio quel ritardo nella mia partenza. é un pò tanto per essere stato solo un ritardo. Già immagino i tuoi occhi quando leggerai questo, so già che non dirai nulla. Ma so che sentirai al di là delle parole ciò che realmente voglio dirti e questo solo mi interessa e so che non sei per le smancerie. Ma a me non me ne è mai fregato un cazzo se non ti piacciono. Mi sono presa il mio posto nel tuo cuore "perchè amo molto più la tua compagnia che la mia pigrizia".

"Smetterai mai di fumare"

"Quando smetterà di annoiarmi tutto questo"

"E tu inizierai mai?"

"Quando inizierò ad annoiarmi di tutto questo"


A presto dunque, amico mio. Compagnero. Sai la vita sboccia di tanto in tanto, ma quando accade lo fa in maniera grandiosa. Forse è un modo per dire grazie.


P.S. Obbligo o verità?"


Questa sei tu, e, seppur a distanza di tempo e spazio, mi si gonfiano gli occhi.. grazie.

LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



lunedì 22 ottobre 2007 - ore 15:54


ricordo di santo domingo..
(categoria: " Vita Quotidiana ")


All’ombra dell’ultimo sole
s’era assopito un pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso.

Venne alla spiaggia un assassino
due occhi grandi da bambino
due occhi enormi di paura
eran gli specchi di un’avventura.

E chiese al vecchio dammi il pane
ho poco tempo e troppa fame
e chiese al vecchio dammi il vino
ho sete e sono un assassino.

Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno
non si guardò neppure intorno
ma versò il vino e spezzò il pane
per chi diceva ho sete e ho fame.

E fu il calore di un momento
poi via di nuovo verso il vento
davanti agli occhi ancora il sole
dietro alle spalle un pescatore.

Dietro alle spalle un pescatore
e la memoria è già dolore
è già il rimpianto di un aprile
giocato all’ombra di un cortile.

Vennero in sella due gendarmi
vennero in sella con le armi
chiesero al vecchio se lì vicino
fosse passato un assassino.

Ma all’ombra dell’ultimo sole
s’era assopito il pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso.

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



sabato 29 settembre 2007 - ore 19:48


Barza..
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Dal Gazzettino online di oggi, ed. Padova

Così i due sono fuggiti a mani vuote. Sul posto sono arrivati i poliziotti, i pompieri, che hanno dovuto tagliare l asta in ferro e anche il proprietario dell auto.

pover’uomo, derubato e fatto a pezzi..

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



mercoledì 29 agosto 2007 - ore 19:57


WISH
(categoria: " Vita Quotidiana ")











LEGGI I COMMENTI (2) - PERMALINK



venerdì 27 luglio 2007 - ore 19:15


MEMO:
(categoria: " Vita Quotidiana ")












LEGGI I COMMENTI (2) - PERMALINK




> > > MESSAGGI PRECEDENTI
Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG

BLOG che SEGUO:



Gli amici di sempre..
mspock
verdiana
hailie
ca.sper
jacuzzo78
sayuri
^vale^

toomuch
cendy
biomelo
lamanum
stronza
b.lisa.82
elisal
albertoSSP
vip
quartilla
missi
kr8
chiara@
psico
erykappa
papez
lololu
Vampina
malice
sabrina71


'>Burp Simpson
Don Marco


BOOKMARKS


fai da te
(da Viaggi e Turismo / Agenzie )
Photo4U
(da Fotografia / Corsi Online )
Alloggio gratis in tutto il mo
(da Viaggi e Turismo / Vacanze Studio )


UTENTI ONLINE:



NOVEMBRE 2018
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30