BLOG MENU:


aceldama, 32 anni
spritzina di padova
CHE FACCIO? Lavoratore
Sono sistemato

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]


STO LEGGENDO

"il tempo sospeso" di Katia amadio... Sentite un po’la recensione:
"Un romanzo decisamente interessante, questo di KatiaAmadio, a metà tra il gioco letterario e la narrazione fantastica.
Un susseguirsi di citazioni ed omaggi che abbracciano un secolo di narrativa fantastica e collocano idealmente
questa storia all’interno dell’immaginario collettivo creato da maestri come Bloch (chi ricorda Train to Hell?), ma
anche da scrittori italiani come Cammarota, Lombardi oPaoletti (di cui trovate un racconto in questo stesso numero
di Progetto Babele N.d.R.). Il tutto all’interno di un romanzo che si dipana quasi come un on-the-road onirico,
dove, ad ogni colpo di scena, l’apparente concretezza del mondo in cui vivono i due protagonisti si sgretola, lasciando
scorgere imperscrutabili squarci d’abisso. E sono proprio l’incertezza, l’insoddisfazione, il desiderio quasi doloroso
di sapere a dominare le loro azioni, sentimenti accentuati- quasi esasperati - da una narrazione essenziale e
molto cinematografica che ricorda certe suggestioni tipiche del miglior Dario Argento.
Prigionieri di una realtà a più livelli, dominata da misteriose e demoniache figure dagli intenti incomprensibili, un uomo e una donna, per aver rifiutato il ruolo di pedine ignare,per aver avuto il coraggio di guardare oltre l’apparente normalità della realtà quotidiana, si ritrovano braccati da un nemico senza nome e senza volto e costretti ad viaggio a ritroso,
attraverso un passato che credevano ormai dimenticato.
Senza potersi fidare di nessuno, perché nessuno è quel che sembra, impareranno a contare soltanto sulle proprie forze e sull’amore che li unisce. Lungo il cammino li attendono bizzarri personaggi, sulfuree guide che li condurranno attraverso quel mondo reale ed oscuro che esiste parallelamente al nostro ed, a volte, lo sfiora.
Paolo e Monia vogliono sapere. Ed alla fine otterranno quello che vogliono.
Peccato che la verità, a volte, sia una maledizione assai peggiore dell’ignoranza...
L’INCIPIT:
"Il chiostro trasmetteva solitudine e silenzio, solcato da un vento insinuante e gelido.
Pochi alberi spogli si raccoglievano timidamente accanto ai resti di un pozzo, ricoperto
d’edera. Tutto sembrava tacere sommessamente di un dolore mai sopito: una lapide nell’angolo
del cortile si presentava altera nel suo marmo nero. Non una foto o una data;
solo poche parole finemente incise: ”TI ho protetto fino alla fine”
Il nome di un uomo e di una donna.
Rumore di passi, foglie calpestate, il fruscio di un mantello, un fiore appoggiato con trepidazione.
Un sorriso. Una lacrima. Ricordi"


HO VISTO

che la magia è negli occhi di chi guarda

STO ASCOLTANDO

renato zero...

ABBIGLIAMENTO del GIORNO

casuale..preso a caso i vestiti siulla sedia

ORA VORREI TANTO...

leggervi qualcosa di mio...

STO STUDIANDO...

dario argento

OGGI IL MIO UMORE E'...

meraviglioso, non si vede?

ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


Nessuna scelta effettuata

MERAVIGLIE


1) svegliarsi accanto alla persona che si ama
2) Mirare l'ignoto da un rupe...il vento che accarezza i capelli...le stelle che osservano..i brividi che attraversano il corpo.
3) fermarsi a guardare la natura meravigliandoci della potenza che l'ha creata e la fa sopravvivere
4) svegliarsi nel cuore della notte sentendo il rumore della pioggia... e accorgersi di avere ancora tempo per sognare


Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG

BLOG che SEGUO:


walter basso

BOOKMARKS


letture sparse
(da Arte e Cultura / Narrativa )
buone letture
(da Arte e Cultura / Narrativa )


UTENTI ONLINE:



Parlerò dei miei romanzi, dei miei e dei vostri incubi notturni e diurni...e se non ne fate abbastanza, vi posso aiutare...


(questo BLOG è stato visitato 819 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]



SONDAGGIO: PERCHÈ DOVRESTE LEGGERE UNO DEI MIEI ROMANZI?




perchè fanno conciliare il sonno
perchè provocano allucinazioni notturne
perchè sta tipa è un po’’ fuori di testa e pure io
perchè il titolo, che non ho visto, mi attira
perchè mi piace leggere qualcosa e pensare contemporaneamente

( solo gli utenti registrati possono votare )

giovedì 14 settembre 2006 - ore 13:59


alla diga di ridracoli... uno splendore...
(categoria: " Vita Quotidiana ")


[I MG]/gallery/blogs/immagini/35665/diganotturna.JPG[/IMG]

LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



giovedì 14 settembre 2006 - ore 13:56


adoro la montagna...
(categoria: " Vita Quotidiana ")




COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



sabato 5 agosto 2006 - ore 11:43


OMAGGIO A CIMA GRAPPA
(categoria: " Vita Quotidiana ")






COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



sabato 5 agosto 2006 - ore 11:39


VITA DI MONTAGNA
(categoria: " Vita Quotidiana ")




Ecco chi ha saputo dirmi molto sulla vita..
Certi sguardi valgono più di mille parole...

LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



sabato 5 agosto 2006 - ore 11:28


evvviva le vacanze!!!
(categoria: " Vita Quotidiana ")





COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 11 luglio 2006 - ore 18:12


i cieli della luna
(categoria: " Pensieri ")



Una giovane, i suoi sogni, gli amici, l’amore, il mare.
Un albergo abbandonato, i suoi misteri e le sue storie nascoste, oltre uno specchio,passaggio verso un passato che non è passato, in un presente costellato d’incongruenze,verso un futuro da decifrare.
Realtà, sogni,apparenze.
La verità.
Quale?
IMG]/blog/smiles/smile14.gif[/IMG]

LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



…Riaprì gli occhi poco dopo, richiamata da una brezza che l’avvolgeva, calda, a tratti fredda, poi umida e gelida, rapida, intrigante, curiosa.. La sentiva scivolare lungo la sua pelle, entrarle nei vestiti, come una presenza evanescente, fino a entrarle nella gola, passarle tra le dita, abbracciarla come un manto di velluto: allontanarsi poi rapida e ritornare, prorompente, scivolare lungo la schiena come un brivido, muoverle i capelli, agitarsi dentro di lei, afferrarla con la violenza di un turbine, innalzarla, come sospinta dal vento; poi, allontanarsi sfiorandola, come una carezza.. Fu allora che, provando a muoversi, si ritrovò in piedi. Non era più legata. Cosa stava succedendo.. La camera era la medesima, ma lo specchio davanti a lei.. Non rifletteva la sua immagine.. C’era il mare, mosso da un forte vento, e una voce, che la chiamava... (da "I cieli della luna") SIETE ANCORA LI’? PERCHE’ NON NE ORDINATE UNA COPIA...SCRIVETEMI!
OTTOBRE 2018
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31