BLOG MENU:


sardellone, 28 anni
spritzino di padova
CHE FACCIO? fist fucking
Sono single

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]


STO LEGGENDO

lemmy-la sottile linea bianca
gigetto - la sottile riga bianca
maurizietto - la marinara con aglio bianco
heckler & joeler - la medaglietta trovata la’
ron moss & goikoichea - vita dei santi

HO VISTO












STO ASCOLTANDO








disintegrate you bastard
slayer
raised fist
gavino
sepultura
fear my thoughts
faith no more
fantomas
sick of it all
testament
mauro martignon
mowa
sbirulino
severino cicerchia
canistracci oil




ABBIGLIAMENTO del GIORNO


peli
Pesce
polpi
marzapane
pronto chi è?
polpettone
Titti

ORA VORREI TANTO...


giorgio mastrota

sedia
hockey sul budino
pastafrolla con le unghie

STO STUDIANDO...

giorgio mastrota

gara di sci
pietro d’avola
aquila

OGGI IL MIO UMORE E'...

mastrodontico
mimmo
laccio emostatico
canguro
pezze
tinello
goikoichea
paranco
pagaia
cestello


ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


Nessuna scelta effettuata

MERAVIGLIE


Nessuna scelta effettuata



Oppression is the Holy Law
In God I distrust
In time His monuments will fall
Like ashes to dust
Is war and creed the master plan?
The Bible’s where it all began
Its propaganda sells despair
And spreads the virus everywhere

Religion is hate
Religion is fear
Religion is war
Religion is rape
Religion’s obscene
Religion’s a whore

The pestilence of Jesus Christ
There never was a sacrifice
No man upon the crucifix
Beware the cult of purity
Infectious imbecility
I’ve made my choice
666!

Corruption breeds the pedophile
Don’t pray for the priest
Confession finds the lonely child
God preys on the weak
You think your soul can still be saved
I think you’re fucking miles away
Scream out loud, here’s where you begin
Forgive me Father for I have sinned!

Religion is hate
Religion is fear
Religion is war
Religion is rape
Religion’s obscene
Religion’s a whore

The target’s fucking Jesus Christ
I would’ve lead the sacrifice
And nailed him to the crucifix
Beware the cult of purity
Infectious imbecility
I’ve made my choice
666!

Jesus is pain
Jesus is gore
Jesus is the blood
That’s spilled in war
He’s everything
He’s all things dead
He’s pulling on the trigger
Pointed at your head!

Through the fear you’re sold into the fraud
Revelation,
Revolution,
I see through your Christ illusion!

The war on terror just drags along
My war with God is growing strong
His propaganda sells despair
And spreads this violence everywhere

Religion is hate
Religion is fear
Religion is war
Religion is rape
Religion’s obscene
Religion’s a whore

There is no fucking Jesus Christ
There never was a sacrifice
No man upon the crucifix
Beware the cult of purity
Infectious imbecility
I’ve made my choice
666!












(questo BLOG è stato visitato 8968 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]





domenica 20 gennaio 2008 - ore 18:43


STAR, REIGN DOWN ON YOU
(categoria: " Vita Quotidiana ")






LEGGI I COMMENTI (4) - PERMALINK



lunedì 14 gennaio 2008 - ore 20:11


OSTIA! HO PERSO UNA SPILLETTA
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Da ormai 28 anni sono in preda a dubbi amletici.
Cos’è questa roba da cui sono venuto fuori?
Se sono venuto fuori dov’è lo sperma (caldino)?
Chi mi ha insegnato a urlare e a piangere?
Esiste Pino Scotto?

Cosa farò venerdì? E sabato? E comunque me lo ricorderò dopo?

E mentre me lo sto chiedendo, per una forma di pigrizia mentale, mi viene in mente che potrebbe esistere il solito fottuto mondo delle realtà parallele.

Ad esempio ieri non mi sentivo tanto bene.
Per giocare, sabato sera ho fatto a botte col mio amico Taro, che mi ha azzoppato. Sono tornato a casa domenica mattina all’una e un quarto e mi sono messo a togliere pezzi dalla macchina.
Finalmente sono giunto alla branda ove mi sono addormentato.
A questo punto devo aver sognato.
E se invece tutto il resto fosse stato un sogno? Non sarebbe di sicuro meno plausible. Ovviamente non ricordo, ma potrei aver sognato di mangiare delle patatine bevendo dreher in centro alle 15:00 come quando avevo 13 anni.
Indi mi sveglio, sento Jek e finiamo a mangiare in un ristorante cinese, annaspando a bestemmie e insulti verso gli inservienti e quelli che ci stanno seduti vicino.

In aiuto degli stupidi è spesso preso in causa l’elemento neutro, quello che si sconvolge ma si ricorda sempre tutto, quello che se non stai attento ti incula il portafoglio, quello che ti offre da bere così non si sente più il più rincoglionito della festa.
Nel medioevo ne ho conosciuto uno, si chiamava Poppi.

A Poppi non piaceva molto stare con gli altri del suo villaggio, preferendo sovente andare a mescolare il dna di suo padre con quello dei tralicci dell’enel, dando così vita a una moltitudine di amici che teneva nel seminterrato della catapecchia dove abitava: i Pitticci.

Cacciatori e uccidi maiali insaziabili i Pitticci non volevano del bene a Poppi, e perquesto lui divenne un guastafeste.
Una sera mentre dormivo mi cambiò il naso che fino ad allora era così:

Il che mi rese popolare con le ragazze.
A volte per essere felici non serve fare un cazzo.


LEGGI I COMMENTI (3) - PERMALINK



lunedì 12 novembre 2007 - ore 22:31


LO SPERMA CALDO
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Alla centrale dello sperma consigliano quali siano i modi di consumarlo in modo da seguire una certa logica. Altresì due isolati prima della centrale dello sperma sorgono altre due centrali: quella del pocio (o della paciarèa), e quella dello sperma CALDO.
Lo sperma tiepido, si ottiene dal massaggio genitale del vitellone da guerra.

Il doppio dello sperma dà il quadrato spermatico di mia nonna, la principale rappresentante dello sperma bevuto per caduta da sotto i calzini.

Il proprietario dello sperma caldo vanta innumerevoli vantaggi:

1) Il piacere di sentirlo scivolare dentro fino all’espulsione finale, la quale può essere
a) libera
b) tappata


2) Il piacere di dare ad altre persone di certificata giovialità l’opportunità di parlarne.
.

Da quando sperma caldo e sperma meno caldo hanno iniziato un certo tipo di convivenza, non si sa più cosa bere.
Nè d’estate ne tantomeno d’inverno.
Frugando nei cassonetti ho trovato un libro. Sotto di esso un’ indirizzo scritto a penna. Mi sono recato nel luogo dell’ indirizzo: un tratto di strada chiusa buia e ben illuminata che terminava con due portoni per altrettante case.
Suono un campanello e mi apre un ragazzo di giovane aspetto, devastato dall’acne e abbruttito dalla piorrea che mi dice:
- Salve sono Roberto e questa è una storia realmente accaduta anni fa. La racconto solo ora perché penso che a distanza di anni nessuno potrebbe ricondurla a me.
Vivo in un paese del Sud Italia, in un ambiente molto borghese e sono di ottima famiglia e relativa educazione. A quei tempi però, i miei ormoni selvaggi e indomabili, tipici dei miei 21 anni dell’epoca, dettavano legge nel mio fisico, bombardandolo di massicce dosi di testosterone, che dovevano necessariamente trovare sfogo.
A tal proposito, quando non c’era qualche ragazza un po’ “allegra” - (per quei tempi) - che mi sparava una sega o mi faceva un pompino, provvedevo da solo a soddisfarmi.
Le mie fantasie però erano tutte indirizzate a donne più grandi di me o mature come si dice oggi.
La regina delle mie seghe era mia zia Lina.
La zia Lina all’epoca era una donna di 55 anni, molto piacente, ancora giovanile e bene in carne. Ai suoi tempi, e ancora adesso, faceva tirare il cazzo a molti quando la vedevano. Era una donna tipo le maggiorate anni 50, bocca carnosa, capelli color mogano, belle gambe, belle tette, e soprattutto un bel culo tondo e voluminoso, sostenuto da due cosce tornite, con una faccia da signora perbene ma che sotto sotto ti dava l’impressione di una gran troia. Si era sposata tardi, a circa 42 anni con un fratello di mia madre, più grande di lei di 12 anni, che aveva pensato sempre e solo al lavoro, e ad accumulare soldi. Io questo zio l’ho sempre avuto sui coglioni, sin da quando ero piccolo, proprio per quella sua tirchieria congenita e per quell’atteggiarsi a uomo vissuto, ma che poi non capiva un cazzo più di tanto. Non avevano avuto figli per problemi sorti durante la prima gravidanza di lei non terminata, e proprio perciò da quel momento cominciò fra loro una fase strana.
Strana perché mi ricordo che la zia quando veniva a casa nostra e mi vedeva, mi riempiva di coccole (abbracci, carezze e bacetti). Coccole che sono continuate anche quando ero già grandicello e anche fino a gioventù inoltrata, solo che si erano evolute in complimenti un po’ maliziosi del tipo: “Che bel ragazzone, chissà quante ragazze ti corrono dietro” e così via.
Ma la cosa più bella era che quando eravamo soli i suoi complimenti erano molto più audaci, tipo: “Tu devi essere uno sciupafemmine, uno stallone, che darei per avere trent’anni di meno”.
Il fatto è che io non mi vedevo così bello anche se ero molto prestante fisicamente, quindi cominciai a sospettare che la zia era attratta da me, e io man mano che crescevo non la vedevo più tanto come una zia, ma come una bella gnocca da inchiavardare, anche se matura - anzi meglio - perché come ho già detto, ero molto attratto dalla mature, specie se bbone come la zia.
La svolta venne quando lo zio morì.
Una settimana dopo i funerali la zia Lina, apparentemente molto affranta, chiese a mia madre se io potevo andare a stare con lei per un periodo di tempo, perché ancora non si era abituata a stare da sola, aveva paura la sera, e così via.
Mia madre, mossa dal bene che provava per il suo fratello defunto e da spirito pio e compassionevole, accolse di buon grado la richiesta di zia Lina, così mi trasferii a casa sua.
Io, per conto mio non ebbi nulla da ridire, in quanto quella nuova situazione poteva volgersi a mio favore, visto che la zia Lina cominciava a tirarmi non poco, specie ora che era vedova, e ripensando ai complimenti che mi rivolgeva quando eravamo soli.
Già i primi giorni di coabitazione, mi resi conto che la zia Lina aveva cambiato atteggiamento, si vestiva sì sempre di nero in segno di lutto, ma con vestiti più stretti, scarpe con i tacchi, un trucco leggero ma presente e un buon profumo molto discreto.
Si muoveva anche in modo sinuoso, a volte sculettando, a volte guardandomi in modo languido.
Insomma, l’impressione che mi dava era che non gliene fotteva più di tanto della morte del marito, anzi, si era tolta dalle palle un rompicoglioni sempre più petulante ultimamente.

A volte succedevano strani episodi tra di noi; a volte la trovavo seduta sul divano con le gambe accavallate o larghe e la gonna molto più su del ginocchio e si intravedeva il reggicalze, a volte con la scusa di prendere qualcosa nel mobiletto sottostante il lavello in cucina, si piegava a 90° e a gambe larghe e guardava con discrezione dietro a lei per vedere se sbirciavo, ecc.
Una mattina che ero in bagno notai che lei mi spiava da dietro la porta, perché notavo l’incostante ombra di luce sotto la porta, a quel punto mi alzai come se nulla fosse e come se lei non fosse lì, e misi in mostra il mio cazzone svettante, divenuto duro ed eretto pensando a quegli episodi e a lei che magari si sditalinava dietro la porta.
Ebbi conferma quando uscii perché la trovai poco distante dalla porta del bagno, agitata e rossa in viso, e da lì mi convinsi che la zia voleva cazzo, il mio cazzo.
Cominciò la mia strategia finalizzata a scoparmela da lì a qualche momento.
Le dissi “Ehilà zia, oggi sei particolarmente carina”;
“Trovi? Adulatore. Però se lo dici tu ci credo e mi fa piacere”
“Puoi crederci perché è vero”
“Grazie”
Anche lei non perse tempo e mi disse:
“Anche tu non scherzi, specie sotto.”
“Sotto? Che vuoi dire?” chiesi ostentando finta ingenuità ma sapendo che si riferiva al mio bastone.
“Niente, niente, lascia perdere. Mi aiuti a prendere una cosa nello stanzino?”
“Certo, andiamo.”
Arrivati nello stanzino, salì sulla scala per andare su un ripiano alto di uno scaffale e disse: “Mi reggi la scala?”
“Certo, sali tranquilla”
Quella mattina la zia aveva indossato una gonna ancora più corta, e quando fu in cima alla scala, allargò le gambe.
Aveva delle calze nere autoreggenti e una mutandina nera di ottima lingerie e da dove si intravedevano uscire un pò i peli della sua ficona. Io da sotto guardavo tutto e il mio cazzo cominciò a gonfiarsi a dismisura. Dopo avermi deliziato non poco, perché la porca temporeggiava apposta, sapendo che io ero sotto a guardare e lei diceva frasi sciocche tipo “Ma dov’è?- possibile che non lo trovo? – Eppure era qui.” ecc. scese dalla scala, e dopo aver dato un’occhiata in modo discreto ai miei pantaloni rigonfi, disse “Forse deve essere qui sotto” e si piegò a 90 gradi con me dietro e mi mise il culo contro il mio pacco come se niente fosse.
Io non mi spostai, complice lo spazio angusto dello stanzino, ma per me non era come se niente fosse, e cominciai a premere sempre di più contro il suo culo dicendo fra me e me “ Vuoi guerra? E guerra avrai, vediamo dove arrivi, troia!”.
La sua risposta non si fece attendere e mi disse: “Roberto! Che fai? Sei impazzito? Sono tua zia! Non ti vergogni?”
E io dissi “No! E a quanto pare neanche tu e sono sicuro che non ti dispiace. E poi è vero che sono pazzo, ma di te, zietta, e il fatto che sei mia zia mi ingrifa come un animale!”
Lei fece un guizzo per rialzarsi ma dato il poco spazio a disposizione si raddrizzò solo un po’. Io dal canto mio premevo sempre di più contro il suo culo, la cinsi con le braccia e cominciai a toccarle le tette e a leccarle la guancia e il collo da dietro.
Lei a quel punto cominciò ad ansimare e a cedere dicendo: “Che Iddio ci perdoni. Aspetta, lasciami un attimo ora”.
Lo feci e lei girandosi verso di me mi mise una mano sui pantaloni come a soppesare il pacco che avevo in mezzo alle gambe e guardandomi negli occhi con uno sguardo tra l’attonita e l’infoiata, disse: “Mmmmm….. che toro, seguimi porcone, vieni con me. Ora vedrai la tua zietta come ti combina!”.
“Dici? Attenta, potrebbe essere il contrario, bella vaccona!”
Mi portò in camera da letto e disse:
“Ora che abbiamo rotto il ghiaccio, mettiamoci comodi” e cominciò a spogliarsi togliendosi le scarpe, la gonna, il golf, il reggiseno e le mutande. Restò solo con le autoreggenti e disse: “Avanti, vieni qui, fammi sentire che sapore hai”. Si inginocchiò e con una mano sul cazzo e l’altra sotto i coglioni, e cominciò un succulento e gustoso pompino.
Succhiava e leccava come un’affamata di cazzo, una vera esperta, e io mi dissi “è fatta, è mia”.

“Succhia, succhia puttanona, ti piace il cazzo vero?”
“Sì, sì, non vedevo l’ora di succhiartelo per farti vedere di cosa sono capace, mmm… slurp, slurp, slarp, mmmm…”
“Lo vedo troiona, ma ora per cominciare ti sborro in bocca, continua, continua, non ti fermare, ………. Ahhhh……. Sììì….. sborro….. bevi, bevila tutta! “

A quel punto mi mise le sue mani dietro le natiche, come a spingerlo tutto in gola, per fare in modo che non si perdesse nulla e ritmando le spinte, come se la chiavassi in gola. Eh sì, zia Lina non era brava solo in cucina. Gli riversai dentro l’ugola un mare di sborra che non riuscì a bere neanche tutta, ma che gustò dopo raccogliendola con le dita e leccandosele.
Quando ebbi finito le mie violente bordate di sborra, lei mi disse:
“Ma quanta ne fai? Sembri un cavallo, a momenti affogavo. Comunque è buona, saporita come piace a me!”
“ Mi fà piacere, bella porcona, ma ora fammi fare una spagnola tra le tue tettone zia, dài!”
Si sdraiò e disse:
“Vieni piccolo, strizzale, succhiale, leccale, fammi quello che vuoi”
“Dillo che lo facevi apposta a provocarmi, eh zia?”
“Sì, sì,…. ti volevo tanto, ma non sapevo come!”.
Nel frattempo il mio cazzo aveva ripreso vigore tra le tettone di zia Lina e lei che a ogni affondo verso l’alto mi leccava la capocchia, con la sua lingua appuntita, il suo viso da troiona ancora un po’ impiastricciato di sborra, contribuiva a scatenare il porco che è in me.

“ E oggi mi avrai, ma spero solo che non te ne pentirai” le dissi;
“Che vuoi dire?”
“Niente, niente, adesso fatti scopare, mettiti sul letto a cosce aperte, così ti farò gustare tutta la lunghezza del mio cazzo”
“Oh sì, non vedo l’ora di essere trapanata, amore.”
“Sì, esprimiti come una puttana, che mi fai arrapare ancora di più”;
“Ma da oggi sarò la Tua puttana, amore, chiavami, chiavami”;

Le infilai il cazzo dentro in un sol colpo facendola sussultare un po’ dal dolore e un po’ dalla sorpresa.

“Mmmm…. che bella fica, ancora abbastanza stretta”
“ Ahi!! E’ stretta perché quel coglione di tuo zio non mi scopava più da molto tempo, ma tu sfondami, squartami, bel chiavone, ahhhhhh… che bel cazzo, infilalo tutto, fino ai coglioni mmmmm……fottimi, sventrami…. di più, …. ancora….. ancora!”
“Sborro, sborro, ti sborro dentro”
“Sìììììì….., sììììì……. tutto dentro, allagami, godooooo….. ohhhhhh……..”

E nell’attimo che venni lei mi cinse la schiena con le sue gambe a catenaccio per non far uscire nemmeno una goccia di sborra dalla sua fica avida.

“Ahhhh….. che scopata fantastica, che toro da monta che sei, e chi ti molla più….”
“Neanche io ti mollo, bella maiala. Adesso mi riposo un po’”
E mi riversai sul letto a fianco di lei, che nel frattempo, mi baciava il collo, il petto, mi accarezzava le gambe.
Dopo una mezz’ora di tutto ciò la troia mi fece capire che aveva ancora voglia. Mi leccava nell’orecchio, sul collo, mi accarezzava i coglioni e il cazzo che già dava segni di ripresa.
Disse falsamente sorpresa:
“Ah, ma allora è vero che ti piaccio, guarda come ce l’hai di nuovo duro, ma sei insaziabile!”
“Mai come te zietta, anche tu ne hai di arretrati da recuperare!”
“Hai ragione, ma a questo provvederai tu, vero?”
“Ci puoi giurare! Adesso spompinami per bene che poi ti faccio un bel servizietto.”
“Mmm.. non vedo l’ora!”
E riprese a succhiare con ingordigia.
“Slurp, nglob, such, slarp.”
Quando fu di nuovo duro fino allo spasimo le dissi:
“Ora girati, mettiti alla pecorina.”
Si mise come le dissi e protese il suo bel culone all’aria. Vista da dietro era uno spettacolo! Due belle coscione polpose e tornite, inguainate da calze nere autoreggenti, la sua fica, le sue chiappe e in mezzo a loro faceva bella mostra di sé il suo buchino chiuso. Mi chinai e le passai in modo veloce la lingua contro le labbra della fica grondanti ancora la sua e la mia sborra, poi passai al buco del culo leccandolo, poi insalivandolo e poi introducendo delicatamente prima un dito, poi due.
Andai avanti così per circa due minuti, la troia emetteva sospiri di goduria, socchiudeva gli occhi e si passava la lingua sulle labbra, si toccava le tette e martoriava i suoi capezzoli.
Mi posizionai dietro di lei, le strusciai la mia capocchiona sulla fica, per bagnarla un po’ e poi ci misi della saliva. Lei disse:
“Ti prego, montami, sono pronta.”
La ficona umida e carnosa di zia Lina mi attendeva. Ma io volevo di più. L’avevo sempre sognato e desiderato. Puntai il cazzo al buco del culo.

“Che fai? Che Vuoi fare? NO! Ti prego! Lì No! Sono vergine in culo, me lo spacchi!”
“E’ quello che voglio, Troiona! Te l’avevo detto che ti saresti pentita di avermi provocato!”

Diedi un colpo di reni e la infilzai selvaggiamente e senza ritegno. Grande fu il dolore. Il mio cazzo scese inesorabile tra le sue chiappe, profanandole bestialmente il culo. Lei urlava, inveiva, cercava di divincolarsi, ma l’avevo messa sotto per bene e non aveva scampo. Quando se ne accorse era troppo tardi e suo malgrado si rassegnò ma non senza protestare.

“Aaaaaaahhhhhhiiiiiiii!!! Bastardo! Stronzo! Porco! Porco! Ahi che male! Piano…. ohhh…… è grosso………uuhhhh…… com’è duro! Piano!......Mi fai male!!!! Mi stai ammazzando!!!”
“Sììì troiona, voglio incularti come una scrofa, ….tutto fino ai coglioni, …..tieni vacca….. sporca puttana……baldracca……….bagasciona……. rotta in culo, ……..resisti e oggi godrai come mai in vita tua….lurida zoccola”
“Ahhh sssssììì……insultami…..comincia a piacermi……. che porco….. che maiale….ancora!….spingi!….spingi!…..di più!….tutto dentro!…. fammi sentire i coglioni contro le mie chiappe…. fammi sentire la tua vacca…..la tua puttana…. la tua schiava…….. aaaaahhhhh… com’è duro …. sei un animale… ho il culo a pezzi… a brandelli… non ce la faccio più……ma non toglierlo…. ti prego…. continua… aahhhhhhh.“
“Ti divertivi a mettermi il culo in faccia eh vaccona? E oggi hai avuto quello che meritavi. Toh! Adesso ti sciacquo gli intestini, sto per sborrare……godo….godo……. aaaahhhh.”
“Anch’io godo….. sto per venire di nuovo, bel porcone……. amore……. Ahhhhhh ……sssssssììììììì………!”
Riversai nel suo culo la sborra che era rimasta nelle mie palle, e mi tolsi.
Lei era lì alla pecorina, stremata ma felice e soddisfatta, con il buco del culo ancora aperto, come una caverna dal quale fuoriusciva sangue e sborra insieme che le colava lungo l’interno delle sue cosce, ancora sotto choc per l’inculata selvaggia a cui l’avevo sottoposta, ma era l’unico modo per averla come volevo io, per lasciarle il segno per sempre.
Infatti, quando si riprese, mi ringraziò per questo, perché diversamente non avrebbe accettato di farsi sodomizzare da un cazzo come il mio.
Da quel momento iniziò tra di noi un lungo periodo di intesa e soddisfazione sessuale reciproca, e io stetti con lei per oltre quattro anni.
Inutile dire che furono i quattro anni più belli della mia gioventù, anche per quello che ne seguì. -

Lo saluto e mi dirigo verso l’altro portone. Mi cade una sigaretta per terra e mi dico - Carlo? - Si? - Raccoglila Dio Porco! - Ok, ma potresti anche essere un po’ più gentile brutto schizofrenico del cazzo! - OK scusa - No scusa tu.
Busso alla porta e non mi apre nessuno. Suono il campanello e niente.
MI posiziono in maniera comoda per pettinarmi e ancora niente cazzo!
Vado in bar e ordino una lemonsoda.
Il barista ridacchia e mi dice: Sperma Caldo?
E io: come fa a saperlo?
E lui: michiamo Maurizio....




LEGGI I COMMENTI (8) - PERMALINK



mercoledì 12 settembre 2007 - ore 21:46


SUORE MENARE
(categoria: " Vita Quotidiana ")






LEGGI I COMMENTI (3) - PERMALINK



giovedì 9 agosto 2007 - ore 19:48


ONANISMO E CARLO
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Onanismo come patologia:
L’onanista preferisce l’atto masturbatorio all’atto sessuale vero e proprio, tanto da dedicare particolari attenzioni alla modalità dell’operazione, finanche a inficiare i propri rapporti sociali.

Dio can ma allora io sono onanista.
Avevo paura di farmi un mucchio di seghe così perchè non
avevo altro da fare,ma invece ora so che lo faccio per essere qualcosa.
Onanista per l’appunto.

E allora? Cosa è cambiato rispetto a prima?
Abbastanza.

Mamma mi ha dato il cazzo e io me lo rovino quanto mi pare, o quanto fa mio padre con il suo, un coso fatto a gancio.

Mangio cose che aiutano a farsi le seghe tipo la mentuccia e il succo
di Paolo, uno che è morto in soffitta, e la roba mi cola in bocca mentre dormo. La chiamerò bokacola.





Per masturbarsi da perfetto onanista non c’è bisogno di guardare i film osè. si può benissmo mettrsi a fissare la gente dalla propria finestra. Dalla mia non si vede un cazzo.
Quindi se mi invitate a casa vostra e sparisco per un po’ sono in un locale con finestre.








LEGGI I COMMENTI (10) - PERMALINK



sabato 4 agosto 2007 - ore 14:36


MANGIA COGLIONE CHE LA GENTE MUORE DI FAME
(categoria: " Vita Quotidiana ")



LA MIGLIORE



LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



domenica 13 maggio 2007 - ore 17:32


CLAUDIA ANTONELLI
(categoria: " Vita Quotidiana ")





LEGGI I COMMENTI (9) - PERMALINK



domenica 6 maggio 2007 - ore 12:06


LA SCIENZA, IL PROGRESSO
(categoria: " Vita Quotidiana ")


IERI STAVO FACENDO UNA RICERCA PER SCUOLA.
IL TEMA ERA A PIACERE.
IO L’HO FATTA SU QUESTO FILMATO QUA:

http://www.youtube.com/watch?v=8WO5ZKrS9ps

LEGGI I COMMENTI (3) - PERMALINK



sabato 5 maggio 2007 - ore 00:19


NON L’AVRESTE MAI DETTO VERO?
(categoria: " Vita Quotidiana ")


GIRA VOCE CHE DIO PIUTTOSTO CHE IL PADRE ETERNO IERI SERA ABBIA BRUCIATO IL TESTAMENTO CHE UN ALTO PAPAVERO DELLA PADOVA BENE AVEVA LASCIATO A UN BARBONE, UN MENDICANTE,UN SENZA TERRA, UNA MERDA DIO CANE, UN FOLLICOLO, L’ ULTIMA RUOTA DEL CARRO.
BE’ QUESTO A ME NON SEMBRA GIUSTO PERCHE’ IL PAPA CI HA FATTO TUTTI UGUALI, AD ECCEZZIONE DEGLI SVIZZERI CHE GLI SERVONO A LUI, PER CUI INDICO UFFICIALMENTE UNA MANIFESTAZIONE.
CI TROVIAMO OGNUNO PER I FATTI SUOI ALLE SETTE MENO TRE ALLA TROTA CHE ANNEGA, O SE PREFERITE A DESENZANO L’IMPORTANTE E’ CHE NON NE PARLIATE CON NESSUNO.
E STAVOLTA VOGLIO VEDERE...

LEGGI I COMMENTI (4) - PERMALINK



giovedì 1 marzo 2007 - ore 10:04


DIO PORCO
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Ieri sono andato a lavorare.
Oggi vado a lavorare.
Nel fine settimana ho bevuto qualcosa, giusto così perchè era sabato.
La figa è bella.
Mi hanno rubato il ciao con la foto di cheghevazzi. Nel 1998.
Mi raccomando, non ti infilare le dita nel culo prima di aver fatto i compiti.
Far mantecare il gatto in acqua ossigenata per mezz’ora, buttarlo nella spazzatura.Indi servire caldo.
La vita fa schifo, poi fatti una sega.
Pa’ un desgrassià da Dio, venti passi ’ndrio.
CAPEA CALDA AMICIZIA SALDA.


LEGGI I COMMENTI (7) - PERMALINK




> > > MESSAGGI PRECEDENTI
APRILE 2014
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30


Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG


BLOG che SEGUO:


jek-dyb atrax lercio sicapunk decarlà jslf aristopank veronicaz sorellina miguelbosè ilpagliacciobaraldi pazzz gwen ArChItEcT bricius checcot

BOOKMARKS


Nessun link inserito: Invita l'utente a segnalare i suoi siti preferiti!


UTENTI ONLINE: