BLOG MENU:


alez, 35 anni
spritzino di Padova
CHE FACCIO? Teatro
Sono sistemato

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]



Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG


STO LEGGENDO

ROMANZI

Memorie della Contea di Ecate - Edmund Wilson (una palla!)

Balzac e la piccola sarta cinese - Daj Sijie

TEATRO

Faust - da Goethe


HO VISTO

Riccardo III del divino Al Pacino!

Frida Kahlo (donne, guardatelo!)

Eyes Wide Shut

Tim Burton


STO ASCOLTANDO

Dream Theater
Salsa cubana
Pain of Salvation



ABBIGLIAMENTO del GIORNO

Solitoscarpone



ORA VORREI TANTO...

Fuggire da qui



STO STUDIANDO...

Shakespeare, Coriolano

Shakespeare, Macbeth

Shakespeare, Re Lear



OGGI IL MIO UMORE E'...

Come il tempo

ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


Nessuna scelta effettuata

MERAVIGLIE


1) una meraviglia? guardare mia nonna che a 93 anni arroscisce quando le dò un bacio..



BLOG che SEGUO:


alez MSN: spleenes@yahoo.it

"...mi piace immaginare cose immaginarie
che la gente non comprende
o non è capace di vedere..."
Il matto del villaggio
Rozzo


"...mille pensieri di mille strade da percorrere una gran voglia di liberarmi da queste catene e spiccare il volo."
La linea dell’orizzonte
SweetWine


"A volte basterebbe semplicemente spostarsi un attimo per cambiare visuale..."
Il fiume che corre
thrilly


"Ricordate senpre che ridare fa ben!!!"
Lo scantabauchi
walter_basso


"Sono contenta di tutto ciò che ho perso e lasciato perchè ha dato posto al presente..."
La mia cuginetta!!!
Giulay


Sto esplorando
freng0 sevan Evissa Grezzo ika80 ...

BOOKMARKS


TPR-CUT
(da Teatro / Associazioni Teatrali a Padova )



UTENTI ONLINE:




(questo BLOG è stato visitato 4120 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]

NOVEMBRE 2018
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30

...moglie, amante, genitori, sogni, silhouette, libri, scrivere, cervelli, film, attualità, politica, pubblicità, parole, ospitalità, immaginazione, silenzi, progresso, serietà, teatro, psicologia, sesso, auguri, depressione, scopare, festa, innocenza, etnica, camminare, mimosa, approfondimenti, estate, partigiani, lettura, ballerine, euganei, notturni, artisti, vita, volare, ottanta, illuminismo, semplicità, comiche, poeti, simboli, morte...


mercoledì 12 aprile 2006 - ore 12:19


A Gianpaolo
(categoria: " Vita Quotidiana ")


A Gianpaolo, il papà di Jack.
A Gianpaolo, il brindisi più silenzioso.
A Gianpaolo, grazie. Grazie per il capriolo ai ferri, per l’ospitalità dei miei giorni bui, per aver amato un figlio che, personalmente, si è rivelato l’amico che più di altri ha superato la prova eterna del tempo.
A Gianpaolo. Alle montagne l’ultima cenere del tuo corpo.
Per sempre.


Alessandro


Dietroallequinte.


Domando scusa per non lasciato un appunto sul blog per avvertirvi della mia assenza.
Sono successi eventi così improvvisi che non ho più avuto modo di comunicare via rete. Scomparsa del papà di un amico carissimo, un pc nuovo non funzionante, nuove mansioni di lavoro, sospensione del teatro, crisi creativa, settimana santa, elezioni malsane, cavallette.
Scriverò meno.
Ma scriverò.
Mi mancate.
Sentitevi sul corpo un abbraccio forte.


Alessandro

LEGGI I COMMENTI (13) - PERMALINK



venerdì 31 marzo 2006 - ore 15:19


Giamaica
(categoria: " Vita Quotidiana ")



Vorrei un mondo in cui i simbolismi non siano più necessari.
Vorrei un mondo in cui i valori non siano più strumentalizzati.
Vorrei un mondo in cui i buoni esempi non siano più tanto rari.

"Giamaica. Si insedia la prima premier donna dei caraibi.
Con la cerimonia di giuramento come primo ministro della Giamaica, Portia Simpson Miller, 60 anni, è diventa ufficialmente la prima donna a capo di un governo delle isole caraibiche. Davanti a 6mila persone che hanno partecipato all’evento la Miller ha detto: ’’Una piccola ragazza proveniente dalla Giamaica rurale è diventata primo ministro; una vera manifestazione di un sogno giamaicano’’.
Ansa-Reuters)

A lei, donna rurale, auguro un buon operato e di portare sulla cadrega presidenziale, assieme al suo sedere giamaicano, i valori del suo popolo. Vorrei che diventasse il buon esempio di un mondo che desidera cambiare.

Partiamo dal basso, va’, non dal più ricco.



Alessandro

LEGGI I COMMENTI (9) - PERMALINK



giovedì 30 marzo 2006 - ore 16:09


Ezra Pound
(categoria: " Vita Quotidiana ")


EZRA - Io sono al di sopra della legge perché è la vostra legge, non la mia. Un poeta ascolta la sua stessa voce. Pensa per se stesso. Non obbedisce alla vostra filosofia pigmea. Un poeta ha una responsabilità per la verità, la sua verità. Lui non segue il gregge, né usa il cliché che più gli è facile.


“Ezra” di Bernard Kops è una limpida biografia teatrale di un visionario ma autentico Ezra Pound. I personaggi cambiano abito e ruolo in scena assecondando l’immaginario che si sviluppa dalla mente di Ezra. Mi ha divertito l’attualità della scena in cui Benito Mussolini, insicuro come un bimbo, gioca a carte con Antonio Vivaldi. Barano, si incazzano come ragazzini.
MUSSOLINI – Sei un imbroglione!
VIVALDI – Tu sei un imbroglione!
MUSSOLINI – Ma io ho fatto correre i treni in orario!
VIVALDI - L’Italia ha un futuro nel passato. Bella questa!


Linko una buona sintesi della tormentata e ambigua esistenza di Ezra Pound

”Il mondo si fa buio, le città crollano, milioni di teschi sorridono eternamente a questo gioco di merda, eppure, nessuno in questo treno si rende conto che la nostra civiltà è finita.”

Ora, però, è meglio che vada alla ricerca di un sorriso. Ciao.


Alessandro


LEGGI I COMMENTI (3) - PERMALINK



mercoledì 29 marzo 2006 - ore 12:26


Imbecilli!
(categoria: " Vita Quotidiana ")



Lo so che è difficile crederlo ma agli albori del 2000 a casa alez si utilizza il televisore in qualità di monitor ma non si guarda la televisione. Ieri sono inciampato sul telecomando. L’ho accesa e, non so perché, l’ho guardata.
Ora sento il bisogno di dirlo: Berlusconi è un genio.
Co-adiuvato da un’opposizione che riesce ormai solo ad opporsi a se’ stessa, è riuscito a creare un alone di ridicolo così luminoso attorno alla sua figura che si può permettere qualunque affermazione, c’è più lavoro per tutti l’Italia è più credibile siamo in crescita andiamo avanti, riuscendo paradossalmente credibile.
E così, l’ho visto purtroppo, molti italiani tra cui molti giovani ridono della sua comicità e applaudono. E’ un inno alla stoltezza, alla beotaggine e, devo dirlo, porca troia, all’ignoranza. E’ un epitaffio sotto al quale noi stiamo seppellendo noi stessi.
Il berlusconismo non è solo un fenomeno politico o economico.
E’ spettacolo. Spettacolo puro. Virtuale.
Un giorno ci chiederà di pagare il biglietto per guardarlo parlare.
E noi, imbecilli, lo pagheremo.


Alessandro


LEGGI I COMMENTI (16) - PERMALINK



martedì 28 marzo 2006 - ore 14:33


Semplicità
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Ieri non ho potuto postare perché, con inaspettato impegno, pur non essendo un medico, mi sono incuriosito a cercare informazioni oncologiche su alcune forme tumorali. Ho capito che, a parte una leggera sindrome da blog dipendenza per la quale mi siete mancati, avere trentasei anni e un bagaglio ancora pieno di entusiasmo verso gli innumerevoli aspetti della vita è proprio stupefacente. Non pensavo che sarei arrivato così lontano. E’ chiaro che non sto parlando ne’ di carriera ne’ di denaro ne’ di successo. Sono questioni che non mi interessano e per le quali credo che non valga la pena di investire alcunché di personale. Pensavo alla mia curiosità e alla mia volontà di vivere, a come sono riuscito a superare i baratri esistenziali, il desiderio di morire, l’agguato dell’apatia. E’ difficile essere felici, non conosco alcun segreto e pertanto non potrò mai scrivere trattati di gioia-per-tutti alla De Mello, alla Buscaglia, alla Hubbard e tanti altri, dai quali mi dissocio energicamente. E’ difficile altresì comprendere il senso di questa esistenza, della propria esistenza, di quella altrui. Ma ieri, tra termini medici composti, parole senza fine, istologici aramaici, responsabilità e doveri che non son riuscito a comprendere a fondo, ero felice. Ed ho capito il perché. Avevo barattato la complessità del mondo con un battito d’amore ed un respiro d’entusiasmo. Il mio mercato della vita funziona così: con la curiosità e con la semplicità.


Alessandro

LEGGI I COMMENTI (3) - PERMALINK



venerdì 24 marzo 2006 - ore 12:18


A Rozzo
(categoria: " Vita Quotidiana ")



Dedico il post al Matto.
Stamane passeggiavo celere verso il luogo di lavoro, schivando colonne di portici, con il Re Lear di Shakespeare incollato agli occhi e tra un passante che mi scansava - pardon! - ed un altro che mi insultava - guarda dove vai giovanotto! - ho pensato a Rozzo, al suo recente post illuminista su Dio e alla sua mimetica ironia non sempre ricono-scibile e/o -sciuta.
Parla Edmondo della superstiziosità di suo padre Gloucester:

"Ecco la sublime stoltezza del mondo: quando la nostra fortuna si ammala (e spesso è il reo effetto della nostra stessa condotta) noi diamo la colpa delle nostre sciagure al sole, alla luna, e alle stelle: come se noi fossimo degli scellerati per necessità, degli stolti per impulso celeste; dei furfanti, dei ladri e dei traditori, per la predominazione delle sfere; degli ebbri, dei bugiardi e degli adulteri, per una forzata obbedienza all’influsso dei pianeti; e tutto ciò in cui siamo perversi, per effetto di una spinta divina. Bella scappatoia da puttaniere, questa di affibbiare ad una stella la colpa della propria lascivia! Mio padre se la intese con mia madre sotto la Coda del Drago, ed io nacqui sotto l’Ursa Maior: sicché io sono, di conseguenza, brutale e lascivo. Bah! sarei stato quello che sono anche se la stella più verginale del firmamento avesse brillato sulla mia bastardificazione."

Condivido ma non sempre, Matto, ciò che scrivi ma ammiro la coerenza ed esulto per l’onestà del tuo pensiero. E se hai veramente 21 anni, allora provo pure una certa speranza. Con sincera stima.


Alessandro

LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



giovedì 23 marzo 2006 - ore 11:13


Dario Fo
(categoria: " Vita Quotidiana ")



Ho appena spulciato da beppegrillo.it che Dario Fo compie ottanta anni.
Dario, a te un enorme grazie per quello che da te ho letto visto ascoltato ed imparato.
Auguri, meraviglioso istrione, più giovane dei giovani, da un dilettante microattore amante, come te, dell’arte e della vita.


Alessandro

LEGGI I COMMENTI (3) - PERMALINK



mercoledì 22 marzo 2006 - ore 11:29


Al mio aquilone, compagna di giochi
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Mi piace il senso di libertà che dà l’Amore.
Con gli altri sentimenti mi sento un bambino che fa volare l’aquilone e lascia al suo volo, lungo il filo, i propri pensieri.
Certo, tra i sentimenti Dio è il più alto, ma è anche grazie agli altri, più terreni, che ho trovato la mia compagna di giochi.
Io sono un bambino che vola.

Alessandro

LEGGI I COMMENTI (9) - PERMALINK



martedì 21 marzo 2006 - ore 12:30


Primavera!
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Ciao, miei cari, a voi tutti auguro un buon inizio di primavera.
Può sembrare inopportuno in una giornata così piovosa ma, credetemi, questa è la primavera dei semi e dei gusci, delle piante e dei fiori, è la pioggia che irriga e carezza e non ghiaccia nè distrugge.
Ieri Nonno Gelo è arrivato con il suo barcone di giunco lungo il Piovego approdando ai bianchi gradini del Portello dove pochi studenti si lasciavano accarezzare dal sole sbocconcellando un tozzo di pane e molti altri, sul retrostante Ponte Portello, camminavano affaccendati verso una qualche loro faccenda quotidiana. Ma qualcuno si arrestava incuriosito. E Nonno Gelo incurante di presenze e sguardi e indifferenze, attraccava la sua Barcaluna scontrandosi, da buon mattacchione, senza conseguenze, con una barca di servizio. Dalla Barcaluna scendeva Fata Primavera che distribuiva a tutti, passanti o noncuranti, semi di girasole a comunicare che la vita va avanti, che nonostante i ritmi e il cemento, Madre Natura procede sempre nello stesso senso e a chi perde l’orientamento ciao ciao. Accompagnati da ritmi di jambè e dolci suoni di tromba Nonno Gelo portava Fata Primavera sul Ponte Portello dove i passanti, chi timido, chi curioso, chi spaventato, accettavano o rifiutavano i semi di girasole ridendo o fuggendo timorosi di un qualche raggiro.
Oggi, miei cari, sono felice. Sono sopravvissuto al mio trentaseiesimo inverno e sono ancora una volta testimone di un ennesimo miracolo che spinge la ragione verso il cuore e mi fa urlare a tutti voi: buona primavera!
E per stasera, in culo alla miseria, inviterò la donna che amo, la mia primaverità, ad una umile e sincera cenetta.


Alessandro


Dietroallequinte.


Nonno Gelo è Vittorio Riondato e sue son le maschere.
Vittorio, l’adulto più giovanotto che conosca, è un maestro di vita.






LEGGI I COMMENTI (10) - PERMALINK



lunedì 20 marzo 2006 - ore 17:06


Nevrosi
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Leggo che sebbene non esista alcuna prova scientifica del connubio follia-creatività, in psichiatria molte sfumature o capacità artistiche sono state definite con il termine "nevrosi". Questa teoria pone gli artisti in una condizione di possibili diagnosi e conseguenti trattamenti, come per esempio Ernest Hemingway, premio nobel per la letteratura, personaggio affascinante e geniale che, dopo aver ricevuto venti elettroshock, confessò: "Che senso ha rovinare la mente e cancellare la memoria? Queste cose costituiscono il mio capitale e senza di esse sono disoccupato. E’ stata un’ottima cura, ma abbiamo perso il paziente..." Pochi giorni dopo si suicidò.



Dietroallequinte.


A proposito di artisti, domani è il primo giorno di primavera e vi racconterò dell’incontro avuto stamane con Nonno Gelo e Fata Primavera.
Ciao.


Alessandro

LEGGI I COMMENTI (2) - PERMALINK




> > > MESSAGGI PRECEDENTI