BLOG MENU:



Saturass, 29 anni
spritzino di Old Tarantia
CHE FACCIO? Guardian
Sono sistemato

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]


STO LEGGENDO




HO VISTO

2 innamorati sugli Champs Elysees


La Senna


STO ASCOLTANDO

Ac/Dc
Alice Cooper
Audioslave
Bruce Springsteen
Bob Dylan
Bon Jovi
Creedence Clearwater Revival
CSN & Y
Dio
Deep Purple
Dream Theater
Eagles
Emerson Lake & Palmer
Eric Clapton
Faith No More
Iron Maiden
Led Zeppelin
Jesus Christ Superstar
Jefferson Airplane
Jimmy Hendrix
Joe Cocker
Kamelot
King Crimson
Mad Season
Metallica
Michael Jackson
Motorhead
Negrita
Nirvana
Pantera
Patti Smith
Pearl Jam
Pink Floyd
Prince
Police
Queen
Rage Against The Machine
Red Hot Chili Peppers
Ry Cooder
Sistem Of A Down
Scorpions
Simon & Garfunkel
Ska-P
Steve Vai
Staind
Van Halen
Velvet Underground
Vinicio Caposela
Vsion Divine
The Byrds
The Clash
The Doors
The Rolling Stones
The Who
Toto



ABBIGLIAMENTO del GIORNO



ORA VORREI TANTO...



STO STUDIANDO...

Improvviso Op.2 n°2 di Schubert
Suite Inglesi di J.S Bach
Sonata "Patetica" di L.v. Beethoven

OGGI IL MIO UMORE E'...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


Nessuna scelta effettuata

MERAVIGLIE


Nessuna scelta effettuata


(questo BLOG è stato visitato 11045 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]



sabato 21 agosto 2010 - ore 14:33



(categoria: " Vita Quotidiana ")


La formica è una stronza

agosto 21st, 2010 da Diego | Scritto in alcatraz-italia |

Mia madre mi ripeteva come un mantra come mi ero comportato appena nato. Mentre la levatrice mi sorreggeva per le ascelline avevo ballato sulla sua pancia e poi le avevo fatto pipì sull’ombelico. A questo punto la levatrice aveva profetizzato sulla mia futura personalità: “Sarà vino, donne e canto!” E così fu. Da bambino ridevo, cantavo, facevo le imitazioni. Mio padre, un intellettuale, era preoccupatissimo. Una volta orecchiai dietro la porta della loro camera da letto. “Ho tanta paura che questo pupo sia un cretino” disse. “Ma no, è vino donne e canto” rispose mia madre come una macchinetta. La domenica mattina mio padre mi istruiva. O mi faceva sentire un disco al grammofono di casa oppure mi leggeva qualche pagina di un libro. Il libro era una favola di La Fontane, il disco “Il mattino” di Grieg. Sempre quelli. Una specie di condizionamento come con i cani. Al termine, se ero stato attento, invece del biscottino mi dava cento lire. Inesorabilmente io scendevo al bar “da Gianni” e mi compravo due coni da 50. Mio padre andava da mia madre e diceva “Non c’è niente da fare, è un cretino”. E lei ripeteva come un mantra “Vino, donne e canto”. Stamattina ho finalmente trovato il bandolo di tutta la mia personalità. E ho scoperto il mio assassino. Tutta la colpa è stata di quella stronza della formica. Perché mio padre, che per tutta la vita fu perseguitato dall’idea della sciagura economica e di finire sul lastrico, e che mi ha trasmesso come una malattia ereditaria l’identica angoscia, condizionato dal “Vino, donne e canto” di mia madre (condizionata a sua volta da quella delinquente della levatrice) tutte le sante domeniche mi leggeva, come un contro-mantra, la favola “La cicala e la formica”. Al termine, come per “La corrazzata Potëmkin”, aveva luogo un dibattito. Il dibattito consisteva in un suo monologo (avendo io dai tre agli otto anni) in cui mi ribadiva le grandi qualità della formica, che era “saggia”, che era “economa”, che era stata “lungimirante” e che, infine, si era fatta pure una bella risata alla faccia della cicala. Io annuivo poco convinto. Allora lui si precipitava da mia madre e sussurrava solenne “Temo che sia un cretino”. E lei “Ma te l’ho detto mille volte, è vino, donne e canto!”.

Dicevo che stamattina sono finalmente venuto a capo di tutta la faccenda. Avevo sognato di elemosinare un cono gelato davanti al bar “da Gianni”. Per commuovere i passanti cantavo “Il mattino” di Grieg. Ma tutti passavano oltre ridendo. Perché nevicava. E io gli gridavo dietro “Ma che ti ridi? Uno non può smaniare un cono cioccolato panna e fragola anche se nevica?” Ma le coppiette e gli anziani scuotevano la testa e si dicevano “E’ vino, donne e canto. Non gli date nulla”. A questo punto ho avuto la sacra intuizione di rileggermi quella dannata favola. Non l’avevo mai più fatto, perché a forza di sentirmela ripetere da papà mi veniva un rigurgito al solo sentire “cicala”, “formica”, o “La Fontaine”.

Ed è stato tutto chiaro. Tanto per cominciare la cicala è un eroe. Suona e canta gratis per tutti. E’ simpatica, ti fa ridere, si dona alla vita completamente. Ha capito che “del doman non c’è certezza” e si spara su due piedi tutto quel che ha. Poi, quando viene il brutto tempo, fa la cosa più naturale del mondo: bussa alla porta degli amici (è chiaro che la cicala sia cristiana e abbia letto i Vangeli “Bussa e ti sarà aperto”). Manco per niente. Quella cozza della formica, non solo non le fa metter neanche una zampa in casa, al calduccio, ma gli ride pure dietro! Allora la cicala, con la massima dignità e il suo mesto violino in pugno, se ne va sotto la neve senza aggiungere mezza parola. Neppure un gesto di vittimismo o un sacrosanto vaffa. Nulla. L’eroe puro! Ma è chiaro che un bambino parteggi per la cicala, cosa volete che faccia? Il tifo per quella secchiona della formica? Già, ma un adulto? Ci ho riflettuto su a lungo, bevendomi tre o quattro caffè e canticchiando “Il cuore è uno zingaro” di Nada. Ora, è a tutti evidente che se uno fa come la formica non ha problemi né col sole né se nevichi. Quella cornuta c’ha come minimo i BOT sotto la mattonella ma pure un conto cifrato in Svizzera. “Di’, non ti farebbero comodo?” mi sono spietatamente chiesto. E ho tratto un gran sospirone. Ma il cuore è uno zingaro e ho finito col dar ragione al bimbo che fui. “La cicala è molto più figa della formica, non ci piove. Sarai pure un cretino, ma la formica è, è stata, e sarà per sempre una fottutissima stronza”. Amen.

(Per tutti coloro che non si ricordassero la spocchiosissima favoletta, la riporto qui di seguito)

LA CICALA E LA FORMICA

L’estate passava felice per la cicala che si godeva il sole sulle foglie degli alberi e cantava, cantava, cantava. Venne il freddo e la cicala imprevidente, si trovò senza un rifugio e senza cibo.

Si ricordò che la formica per tutta l’estate aveva accumulato provviste nella sua calda casina sotto terra. Andò a bussare alla porta della formica.

La formica si fece sulla porta reggendo una vecchia lampada ad olio.

- Cosa vuoi? – chiese con aria infastidita.

- Ho freddo, ho fame….- balbettò la cicala. Dietro di lei si vedeva la campagna innevata. Anche il cappello della cicala ed il violino erano pieni di neve.

- Ma davvero? – brontolò la formica – lo ho lavorato tutta l’estate per accumulare il cibo per l’inverno. Tu che cosa hai fatto in quelle giornate di sole?

- Io ho cantato!

- Hai cantato? – Bene… adesso balla!

La formica richiuse la porta e tornò al calduccio della sua casetta, mentre la cicala, con il cappello ed il violino coperti di neve, si allontanava, ad ali basse, nella campagna.



COMMENTA (0 commenti presenti) PERMALINK



Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG

BLOG che SEGUO:


Akroma

Anid
Belphegor
*cleo*
ceo
Daxcimix
Dafne
Darrell
DeCarlà
Dragonfly
Emperor
Freno
Frizzio
Gatsu81
Gino Pongo
Girella
Gnello
Insidia
Kayla
Ktulu
Labyrinth
Lo Re
Lucignola
Massone
Mike74
MrSick
Mortiis
Nazgul
Nemesi
odum
Ponta
Preacher
Rage86
Salamandro
Sbraaa
Snowchris
Spiderr
Thutlandia
Tesbrego
Triple Ace
Vampire
Vampiretta


Onore ai Caduti
Saturas

Prototipi di Persone Da perseguitare ed ESTIRPARE situate nella Giudecca

MelaNera
Ballerina
Barbie11
Darkalice
Gothiclady
Sybelle
Alexiss87
baTosta


BOOKMARKS


Facebook
(da Tempo Libero / Astrologia )
Mmorpgitalia.it
(da Arte e Cultura / Cartoni & Fumetti )
GamersRevolt Forum
(da Arte e Cultura / Cartoni & Fumetti )
Age of Conan
(da Arte e Cultura / Cartoni & Fumetti )


UTENTI ONLINE:



GENNAIO 2022
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31