BLOG MENU:


JohnTrent, 27 anni
spritzino di ovunque
CHE FACCIO? Guardo il fiume scorrere
Sono sistemato

utente certificato [ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]


STO LEGGENDO

Letti:
"Incendi" di Alessandro Stellino
"Pura anarchia" di Woody Allen
"Questa è l’acqua" di David Foster Wallace
"Trilogia della città di K" di Agota Kristof

"Il tamburo di latta", Gunter Grass
"Gli inconvenienti della vita", Peter Cameron
"Macerie prime", Zerocalcare
"A proposito di niente", Woody Allen
"Cercando la luce", Oliver Stone
"Nel contagio", Paolo Giordano
"Lavoro a mano armata", Pierre Lemaitre
"Il sarto di Panama", John Le Carré
"Ogni maledetto lunedì", Zerocalcare
"Scheletri", Zerocalcare

e parecchi libri per l’infanzia

al momento sto leggendo parallelamente:
"Ninfee nere", Michel Bussi
"Ragazzi che odiano la scuola", Marco Vinicio Masoni
"Le vie dei canti", Bruce Chatwin

Dopo tantissimi anni, leggere libri è ritornato tra le mie priorità.


HO VISTO

Di tutto, ma non ancora abbastanza.

STO ASCOLTANDO

La pioggia, un rumore lieve.

ABBIGLIAMENTO del GIORNO

Tute, tute, nient’altro che tute. Ma va bene così.

ORA VORREI TANTO...

Bene così.

STO STUDIANDO...

Ratei e risconti.

OGGI IL MIO UMORE E'...

Da un po’, sempre uguale: logica dell’attendismo.

ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


Nessuna scelta effettuata

MERAVIGLIE


Nessuna scelta effettuata

Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG

BLOG che SEGUO:


Les temps qui changent..



Killercoke

Vitto

CatEye

quaela

yaku

Drauen

DrBenWay

violante

misia

pinkie82

marzietta*

Norin

MaoMetro

Swamy

Dragonfly

Gnomina

laAlice

trixie

companera

VELENOSA

Lercio

biankaneve

A grande richiesta (di lui medesimo):

Squalonoir




povero (v)illo

Jumpy

Venezia è bella
ma non ci abiterei:

catg

Harlok

BourbonSt

kero kero

lucadido

sizan

MikNesiac

darkevil

Mist

Saltatempo

privo

Vampina

Kiyoaki

bgirl

Once a communicator
always a communicator (ora sottosezione "Venezia è bella ma non ci abiterei")


glendida

fairy*

Thelma

alex1980PD

schizzo7

sparks

miss

BOOKMARKS


Cinemavvenire
(da Cinema / Archivi )


UTENTI ONLINE:




(questo BLOG è stato visitato 23557 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, Nico76, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]



SONDAGGIO: LE FERIE


Spesso i lavoratori possono prendere un giorno di ferie qui e uno lì, e in questo modo non si rilassano. Ma qual è il modo migliore per trascorrere queste giornate di libertà?[/size=3]

Leggendo quel libro che non hai mai il tempo di aprire
Eliminando qualunque tipo di pensiero dalla testa (p.e. a mezzo meditazione trascendentale)
Consultando vagonate di pagine internet per trovare l’’offerta giusta per le prossime 24 ore di libertà
Sempre e comunque al computer
Girando per locali con la sola autolimitazione di non contrarre una malattia venerea
L’’estro del momento mi guiderà.

( solo gli utenti registrati possono votare )

lunedì 25 maggio 2020 - ore 22:24


Fase IV
(categoria: " Vita Quotidiana ")


La fase IV è quella in cui ritorniamo tutti su spritz.it, in cui gli speedy message vengono accolti dal jingle della FAMIGLIA ADDAMS.

E ci confessiamo.

Abbiamo imparato qualcosa di importante in questa quarantena? Io parecchie.

Il valore del tempo. La ricchezza delle possibilità che ci stanno accanto, e che spesso non vediamo. La fortuna che ci bacia, e noi non la valorizziamo come dovremmo. Il tempo, così come i bisogni, può essere rimodulato, rimodellato. Aprirsi a prospettive di felicità e di realizzazione che si annidano in un’apparente assenza di scopo, di significato.

L’importanza di vedere un amico, di persona. La sua gioia (chissà, la nostra) non detta, ma comunicata con uno sguardo. Cose di cui non mi accorgevo dai tempi in cui ero ragazzino.

La profonda verità che chi flippa a casa coi figli per settimane era flippato già prima, non è che sono i figli che lo fanno flippare. I miei figli in queste settimane mi hanno dato l’ennesima lezione: ci sono milioni di cose da fare tra quattro mura domestiche, ed uno può stare bene con sè stesso a farne solo qualche decina. Sarà che le nostre case erano già piene di cose che usavamo poco o per niente? Sarà che ci conosciamo poco, non ci conosceremo mai abbastanza, ma a stare insieme si sta sempre bene? Sarà perché se siamo diventati come siamo, forse è perché c’è sempre e comunque un lato positivo, se non di più, in quello che stiamo diventando?



COMMENTA (0 commenti presenti) PERMALINK



MARZO 2021
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31